SUBER – Oggetti in sughero disegnati per la XIX Biennale dell’Artigianato Sardo

In occasione della XIX Biennale dell’Artigianato Sardo, fra i designers invitati a dare il proprio contributo progettuale, l’architetto Pierluigi Piu ha concepito e realizzato alcuni oggetti in sughero, di gusto contemporaneo, modellati al tornio da Salvatore Sanna.

 

Cestone e vassoi portafrutta da centrotavola. Questi oggetti vogliono essere un tentativo di riscattare il sughero – materiale naturale antico (di cui la Sardegna è ricchissima) e dalle infinite potenzialità – dal mortificante ruolo, pressoché esclusivo, di materiale da souvenir turistico in cui è attualmente relegato.
I vassoi, nella versione quadra e tonda, sono caratterizzati da una sequenza di onde concentriche le cui anse possono accogliere frutti di vario genere, mentre il cestone, destinato ad accogliere arance, pompelmi o limoni, ha un invaso profondo sorretto da una base in metallo ossidato.
Tutti gli oggetti nascono dal tornio del valente artigiano Salvatore Sanna, di Senorbì (Cagliari).

 

A dodici anni dalla sua ultima edizione, il 26 giugno 2009 è stata inaugurata a Sassari – nelle sale del ‘secentesco Convento del Carmelo ora riconvertito nel ‘Museo del Novecento e del Contemporaneo’ – la XIX Biennale dell’Artigianato Sardo: attraverso la creazione di 250 oggetti, 33 designers e 60 laboratori ripensano creativamente la produzione artigiana di una delle regioni italiane dal patrimonio più ricco.
Il titolo scelto per la mostra, Domo, rende omaggio all’epicentro simbolico della cultura della Sardegna: la casa. Domo non ricostruisce museograficamente la casa sarda ma ne evoca le atmosfere, reinterpretandole secondo le modalità abitative e le tendenze del gusto di oggi e proponendo, in un connubio fra tradizione e contemporaneità, uno stile domestico caldo e confortevole, di un’eleganza fatta di storia, memoria e manualità.
Dopo la lunga pausa d’inattività – dovuta ad alterne vicende e seguita alla scomparsa dello scultore Eugenio Tavolara e del gruppo di artisti da lui capeggiato, che negli anni ‘cinquanta e ‘sessanta del ‘900 avevano guidato l’artigianato sardo verso un profondo rinnovamento linguistico e di contenuti, attirando sulla manifestazione l’attenzione della stampa internazionale e quella dello stesso Gio Ponti che, dalle pagine della prestigiosa rivista Domus, sosteneva entusiasticamente l’iniziativa – la Biennale riapre oggi i battenti forte del contributo di numerosi creativi che, col loro lavoro, hanno ripensato procedimenti creativi e campi d’applicazione delle tecniche, riuscendo a definire nuove forme pur senza uscire dal solco dell’antica e straordinariamente ricca cultura materiale della Sardegna
(fonte).

 

XIX BIENNALE DELL’ARTIGIANATO SARDO

IL CARMELO
via Archivolto del Carmine, Sassari

 

26 giugno – 29 agosto 2009
aperto dal lunedì al sabato
ore 10.00-13.00 / 17.00-21.00

 

Per informazioni:
E-mail: info@domobiennale.it
Tel: 0784 33033 – 366 3890755

 

Progetto: Ilisso Edizioni
Coordinamento tecnico e organizzativo: Annalisa Cocco, Antonello Cuccu, Roberta Morittu, Anna Pau
Consulenza e testi: Giuliana Altea
Allestimento: Antonello Cuccu, Alessandro Floris
Grafica: Paolo Bazzani

 

 

Nell’immagine, dettaglio di uno degli oggetti in sughero disegnati da Pierluigi Piu e modellati al tornio da Salvatore Sanna

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico