Strutture sportive. Studio gmp: due premi per gli stadi di Cape Town e Port Elizabeth

Gli stadi realizzati dagli architetti von Gerkan, Marg and Partners (gmp) a Cape Town e Port Elizabeth per il World Cup 2010 in Sud Africa hanno ricevuto, lo scorso 26 ottobre, il premio IOC/IAKS. Nell’ambito della fiera internazionale Trade Fair for Amenity Areas, Sports and Pool Facilities (FSB), l’International Olympic Committee e l’International Association for Sports and Leisure Facilities (IAKS) hanno selezionato lo stadio di Cape Town per il primo premio e lo stadio Nelson Mandela Bay a Port Elizabeth per il terzo premio nella categoria “stadiums for competitions and events”.

 

I premi sono stati ricevuti da Hubert Nienhoff, partner di gmp e responsabile degli studi di Berlino, Francoforte e Rio de Janeiro. La medaglia d’argento nella medesima categoria è stata assegnata agli architetti Boogertman + Partners per il progetto di riconversione dello stadio Soccer City a Johannesburg (vedi il progetto pubblicato nella e-zine n. 24 dal titolo “Involucro”). In totale, sono stati presentati 138 progetti provenienti da 38 paesi, tra i quali i nove giurati hanno scelto i migliori lavori suddivisi in sette categorie.
Il premio IOC/IAKS è l’unico premio internazionale di architettura dedicato alle strutture sportive e ricreative che si sono dimostrate efficienti e di utile impatto sociale, e viene conferito ogni due anni dal 1987.

 

Lo stadio di Cape Town è l’unico edificio collocato nel parco ai piedi di Signal Hill, e ricopre questo ruolo integrandosi con il contesto e rispettando il paesaggio circostante. Il suo involucro è costituito da una membrana dal pattern lineare, il cui skyline ondulato, che deriva dalla geometria dello stadio, fa apparire l’edificio come una scultura e rafforza i punti di connessione con il paesaggio circostante. Lo stadio è stato progettato per ospitare gli incontri di football e rugby e può contenere circa 68.000 spettatori distribuiti su tre livelli.

 

Lo stadio Nelson Mandela Bay a Port Elizabeth è stato progettato per gli incontri di football e rugby e si trova sul lago di North End tra le terrazze e le colline del Prince Alfred Park. Realizzato in posizione isolata, si integra con le caratteristiche del paesaggio e si erge come un fiore che sboccia sulle rive del lago. Grazie alla sua posizione lungo la riva, lo stadio crea un effetto unico riflettendosi nell’acqua. Lo skyline della struttura, che può ospitare 48.000 spettatori, è caratterizzato dall’accattivante pattern nella sua struttura di copertura.

 

I progetti in corso dello studio gmp includono due stadi per il UEFA European Football Championship che si terrà in Polonia e in Ucraina, il National Stadium a Varsavia e l’Olympic Stadium a Kiev. Per la FIFA World Cup che si terrà in Brasile nel 2014 gli architetti sono coinvolti nella progettazione del National Stadium a Brasília, del Mineirão Stadium a Belo Horizonte e dell’Arena da Amazônia a Manaus. Ulteriori progetti in corso includono lo Śląski Stadium a Chorzów, in Polonia, e il Tashkent Sports Park in Uzbekistan.
Lo stadio Lia-Manoliu a Bucarest, in Romania, una struttura da 55.000 posti a sedere, è stato invece recentemente inaugurato.

 

a cura di Federica Maietti

 

Per ulteriori informazioni
www.gmp-architekten.de

 

Nell’immagine di apertura, vista aerea dello stadio di Cape Town di von Gerkan, Marg and Partners (gmp). Foto © Bruce Sutherland

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico