A Eduardo Souto de Moura il Piranesi Prix de Rome alla carriera

Souto de Moura

Il Comitato Scientifico del Piranesi Prix de Rome, in collaborazione con L’Ordine degli Architetti di Roma e provincia e con il Polo Territoriale di Mantova del Politecnico di Milano, ha indicato Eduardo Souto de Moura per l’assegnazione del Premio alla Carriera.

L’architetto portoghese ritirerà il riconoscimento all’alta formazione classica in architettura venerdì 24 marzo 2017 alla Casa dell’Architettura – Acquario Romano di Roma, dove offrirà una lectio magistralis nella quale ripercorrerà i momenti salienti della sua carriera professionale, cominciata nel 1980.

Souto de Moura, classe 1952 e già vincitore del Pritzker Prize nel 2011, è uno degli architetti più noti e influenti del mondo. Ha cominciato i suoi studi alla Scuola Italiana di Oporto per poi attendere alla Scuola di Belle Arti, dove ha studiato scultura. Successivamente ha prevalso però l’interesse per l’architettura, che lo ha portato alla laurea nel 1980. È stato collaboratore e assistente di Alvaro Siza presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Porto.

Tra i progetti più noti: il Centro Culturale di Oporto (1981-1990), la Casa in Alcanena (1987-1992); la Casa del Cinema Manoel de Oliveira a Oporto (1998- 2002); lo stadio comunale di Braga (2000-2004); il Centro de Arte Contemporanea de Bragança (2002-2008); la Casa das Historias Paula Rego a Cascais (2005-2009); Casa das Artes di Oporto; la trasformazione dell’edificio della dogana di Oporto in Museo dei Trasporti e delle Comunicazioni (1993-2002); il recupero del convento di Santa Maria do Bouro (1989-1997); il Centro Culturale “Espacio Miguel Torga” a Sabrosa (2007-2011); la riconversione del Convento das Bernardas a Tavira (2006-2013; immagine in alto).

Souto de Moura, che è stato inoltre insignito di molti premi e onorificenze da parte di prestigiosi enti pubblici, privati e atenei in tutto il mondo, è professore ordinario presso il Polo Territoriale di Mantova del Politecnico di Milano, dove insegna Architectural Design in Historical Context e Progettazione Architettonica. Ha inoltre insegnato architettura a Ginevra, Dublino, Losanna, Parigi-Belleville, Harvard University, all’ETH Zurich e all’Accademia di Architettura di Mendrisio.

Il nome e l’opera del maestro portoghese costituiscono un nuovo importante capitolo nella storia del Piranesi Prix de Rome, che va ulteriormente ad arricchire un albo d’oro di altissimo profilo costellato da figure che hanno fatto dell’architettura contemporanea, il campo di applicazione privilegiato per una continua ricerca sull’essenza stessa dell’architettura e sui valori permanenti del classico nel complesso divenire e mutamento della realtà, da Rafael Moneo a David Chipperfield, da Peter Eisenman a Bernard Tschumi e Yoshio Taniguchi.

 

Nell’immagine, Convento das Bernardas em Tavira, ph. © Luis Ferreira Alves.

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here