Sopra il Sotto, Tombini Art raccontano la Città Cablata

Nel quadrilatero della moda di Milano un nuovo linguaggio di arte e di comunicazione in città. Una mostra open air di 24 Tombini Art interpretati dai grandi protagonisti della moda italiana. A cura dell’ideatrice Monica Nascimbeni, Sopra il Sotto – Tombini Art raccontano la Città Cablata è un’iniziativa culturale promossa e realizzata da Metroweb, l’azienda milanese titolare della più grande rete metropolitana di fibre ottiche d’Europa, vero e proprio mecenate di questo progetto artistico visionario, che ha saputo raccontare la rete e l’innovazione attraverso una mostra unica nel suo genere.

 

La prima edizione (2009-2010) della mostra open air ha messo in scena in zona Tortona 32 tombini d’artista realizzati da affermati street artist italiani, mentre la 2° edizione (2011-2012) in via MonteNapoleone ha visto esposte per più di un anno 20 opere di street artist internazionali tra cui l’americano Shepard Fairey, artista diventato fenomeno culturale con l’iconografia di Barack Obama, il parigino Space Invader con i suoi famosissimi alieni “pixelati”, Flying Fortress da Berlino, l’italiano Rendo e gli inglesi The London Police. Tutti i tombini sono stati poi battuti all’asta da Christie’s con un ricavato complessivo di 120 mila euro, interamente devoluti in beneficienza.

 

Il successo è stato tale che i Tombini Art di “Sopra il Sotto” tornano con una terza edizione diversa e ancora più elettrizzante, perché il progetto è riuscito a riunire con la collaborazione della Camera Nazionale della Moda Italiana i grandi dell’Italian style, in un’opera corale preziosa, fruibile a tutti senza barriere, che inaugura con un grande evento aperto alla città nel quadrilatero della moda, il fashion district più famoso al mondo coordinato dall’Associazione MonteNapoleone. I “quadri” in ghisa sono appositamente realizzati dalle eccellenze del Made in Italy.

 

In ordine di percorso le opere sono di: Giorgio Armani, Just Cavalli, Etro, Missoni, Larusmiani, Laura Biagiotti, Costume National, Moschino, 10 Corso Como, Prada, Trussardi, DSquared2, Versace, Iceberg, Brunello Cucinelli, Hogan, Alberta Ferretti, Valentino, Salvatore Ferragamo, Emilio Pucci, Giuseppe Zanotti Design, Ermenegildo Zegna e con la partecipazione di Istituto Marangoni.

 

È un’edizione speciale che in occasione dell’imminente Expo 2015 si propone di celebrare e interpretare il tema dell’internazionalità di Milano attraverso le sue eccellenze afferma l’Amministratore Delegato di Metroweb Alberto Trondoli, “con attenzione particolare all’interazione tra arte e moda nel contesto urbano e all’innovazione tecnologica, a partire dalla rete in fibra ottica di un’azienda come Metroweb che vanta il primato di aver reso Milano la città più cablata d’Europa”.

 

Dal 24 febbraio 2015 in via MonteNapoleone e via S. Andrea 24 Tombini Art, pezzi unici ed originali, cesellati a rilievo e dipinti a mano, pensati e ideati site specific dagli stilisti che hanno aderito al progetto scatenando la loro creatività.

 

Questa terza edizione della mostra Open Air Sopra il Sotto – Tombini Art raccontano la Città Cablata, ha saputo declinare il tema di Milano capitale della moda e del design proponendo il tombino come oggetto urbano, degno di diventare soggetto dell’opera dei più grandi stilisti della moda italiana, e al tempo stesso simbolo della città più cablata d’Europa, grazie a Metroweb, e prima smart city in Italia”. L’assessore alle Politiche per il Lavoro, Moda e Design Cristina Tajani prosegue: “Un progetto che fonde la città intelligente con quella creativa e innovativa. Una mostra che coniugando i colori e le linee proposte dalle principali maison porta il gusto del bello e del ben fatto giù dalle passerelle direttamente nelle strade del centro città”.

 

Due tombini sono stati progettati da due giovani promesse dello stile: Metroweb ha indetto un contest in collaborazione con l’Istituto Marangoni di Milano, al quale hanno partecipato gli studenti, e una giuria composta da rappresentanti di Metroweb, Istituto Marangoni e Camera Nazionale della Moda Italiana ha selezionato i due giovani fashion designer che hanno meglio interpretato il concept della mostra, Alessandro Garofolo e Santi.

 

Come per le scorse edizioni, a chiusura della mostra open air (gennaio 2016) i Tombini Art, dopo un attento restauro, saranno battuti all’asta da Christie’s, il cui ricavato sarà interamente devoluto in beneficenza da Metroweb a favore dell’organizzazione non profit Oxfam Italia, Civil Society Participant di Expo 2015. I proventi contribuiranno alla realizzazione di attività rivolte al miglioramento delle condizioni socio-economiche di circa 20.000 persone, con un’attenzione particolare nei confronti delle donne, in Bosnia Erzegovina e Albania, Ecuador, Territori Occupati Palestinesi, Marocco, Cambogia e Italia favorendo l’accesso alle risorse primarie (terra, acqua, strumenti, ma anche conoscenze e competenze attraverso percorsi formativi) e creando occupazione, grazie all’avvio e al rafforzamento di attività micro-imprenditoriali e cooperative, soprattutto in ambito agro-alimentare, a favore di gruppi di donne. Una stretta collaborazione quella di Metroweb con Oxfam, che intendono insieme contribuire attivamente e in modo significativo ai temi veicolati da Expo “Nutrire il pianeta, energia per la vita”,  lavorando in sinergia al progetto con tutta una serie di iniziative atte a sensibilizzare i visitatori di Expo e di “Sopra il Sotto”.


SCHEDA EVENTO
Sopra il Sotto – Tombini Art raccontano la Città Cablata


Un’iniziativa di
Metroweb


Luogo
Via MonteNapoleone e via Sant’Andrea
Milano


Inaugurazione
martedì 24 febbraio 2015 | ore 18.30


Periodo
24 febbraio 2015 – gennaio 2016


Un progetto di Metroweb, da un’idea di Monica Nascimbeni, con il patrocinio del Comune di Milano, in collaborazione con la Camera Nazionale della Moda Italiana e in partnership con Oxfam Italia.


Per ulteriori informazioni
tombiniart.metroweb.it

 

Nell’immagine di apertura, Tombino Art Laura Biagiotti. Foto © Sergio Caminata

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico