Si fa tutto PER LA RIQUALIFICAZIONE, anche vendere un paese su ebay

La borgata in vendita su ebay: 20 abitanti, i proprietari delle case, a Calsazio, nel Comune di Sparone (Torino), ai piedi del Gran Paradiso. Hanno deciso di vendere tutto, quattordici immobili, per un totale di 50 vani, ad un prezzo di partenza di 245 mila euro.

 

L’Uncem (Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani) metterà a disposizione lo studio per la complessiva riqualificazione del borgo. Cosa si vuole ottenere con questo gesto? Innazitutto, se non venissero venduti, gli immobili cadrebbero in disuso.

 

Ma il punto vero è questo. Poi, si vuol far capire che molte piccole frazioni di montagna sono completamente abbandonate. Chi comprerà, dovrà anche ristrutturare, partendo proprio dal progetto di riqualificazione proposto dalla Uncem, che fornirà un masterplan per evitare recuperi non funzionali.


“Lavoriamo da anni con l’Istituto di Architettura montana del Politecnico di Torino, che ha seguito ad esempio gli interventi nella borgata di Ostana, in Valle Po. A Sparone gli immobili hanno precise conformazioni architettoniche che devono essere mantenute. Anche sui materiali deve essere fatta un’attenta valutazione. Non si possono accettare scempi o recuperi non funzionali al luogo, inserito in un’area di pre-parco. Legno e pietra sono ideali per il recupero”, ha dichiarato Marco Bussone, coordinatore del programma Borghi Alpini promosso dalla Delegazione piemontese dell’Unione dei Comuni, delle Comunità e degli Enti montani.

 

In Italia sono molti i villaggi montani quasi deserti dopo le emigrazioni del XIX secolo. L’esodo continua. E la disoccupazione giovanile è oltre il 40%.

 

Con la vendita, Calsazio potrebbe anche rinascere, come metà turistica o residenziale.

 

A mali estremi, estremi rimedi. E ci sono già un sacco di richieste: 80, da molte parti del mondo. Gli interessati sono architetti e imprese. L’asta chiude il 14 luglio. E si, si tratta di una nostizia, proprio perché magari non è la prima volta, ma è comunque anomalo che un paese italiano venga messo in vendita in generale, e poi SU EBAY. Per la riqualificazione si fa questo e altro. Ma questo vuol dire che siamo alla frutta, che l’Italia non riesce ad arrivare a fare bene i lavori per l’Expo, figurati a riqualificare un paesino. È qui che l’intervento del privato è fondamentale. Dunque si, è una notizia, e riguarda tutto il Paese.

 

Peccato che sia una finta, e che l’inserzione su E-Bay non ci sia già più.

 

Le redazioni di tutto il mondo hanno pubblicato la notizia. “Il vecchio e il nuovo, messi affianco come in un ossimoro dipinto sullo sfondo di un marketplace, sprigionano quel tanto che basta per regalare celebrità a un borgo che, vista la rapida vendita sottocosto, non dimostra certo di aver in realtà catturato il cuore dei suoi stessi abitanti” (webnews.it). Non è il vecchio e il nuovo a suscitare interesse, e nemmeno il fatto che sia su Ebay che, voglio dire, è uno strumento vecchio, non nuovo, esiste da anni. È l’iniziativa in sé. Che è valida.

 

E se un paese che sta cadendo in rovina si potesse vendere attraverso l’e-commerce (come è successo con Albert, Texas) allo scopo di riqualificarlo, sarebbe un’idea da ripetere tante volte quante ce n’è bisogno.

 

di Enrico Patti

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico