SANAA disegnerà il Serpentine Pavilion 2009

Continua l’avventura europea di SANAA. Dopo l’eterea installazione creata all’interno del Padiglione Barcellona su invito della Fondazione Mies van der Rohe, lo studio giapponese, fondato a Tokyo dagli architetti Kazuyo Sejima e Ryue Nishizawa, ha ricevuto pochi giorni fa l’incarico per la progettazione del nuovo padiglione espositivo temporaneo per la Serpentine Gallery di Londra.

Entrati a pieno titolo nell’olimpo delle archistar mondiali dopo lo straordinario successo del New Museum Contemporary Art di New York, Kazuyo Sejima e Ryue  Nishizawa, ex allievi di Toyo Ito, si accingono a realizzare la loro prima opera in terra inglese, che rimarrà aperto al pubblico per tre mesi all’interno della suggestiva cornice naturalistica di Kensington Gardens, ospitando come di consueto un ricco programma di mostre, concerti, performance, convegni e dibattiti.

Julia Peyton e Hans Ulrich Obrist, direttrice e co-direttore della Serpentine Gallery hanno commmentato così la scelta dei candidati per la progettazione nuovo Padiglione: “Poter lavorare con importanti architetti di fama mondiale come Kazuyo Sejima e Ryue Nishizawa di SANAA è per noi un sogno che diventa realtà. Il loro lavoro arricchirà in maniera straordinaria la serie dei Padiglioni, evento unico nel suo genere che ogni anno offre la possibilità ai più importanti architetti del mondo di “debuttare” in questo Paese, portando il meglio dell’architettura contemporanea a Londra per far sì che ognuno possa goderne”.

Ellis Woodman, editore della rivista BDonline, si augura che SANAA “sappia dimostrare anche in questo caso come sia possibile produrre architettura di qualità senza eccedere in termini di dispendio di risorse, riportando alla luce quel carattere originario di temporaneità che è sembrato venir meno nelle ultime “opulente” versioni, a favore di una maggiore leggerezza e di un impiego equilibrato e sostenibile dei materiali”.

 

SANAA, che lavorerà al progetto in collaborazione con altri importanti studi, tra cui l’onnipresente gruppo Arup, si aggiunge così alla prestigiosa lista dei grandi nomi che hanno firmato i Serpentine Pavilion delle scorse edizioni: Frank Gehry nel 2008, Olafur Eliasson e Kjetil Thorsen nel 2007, Rem Koolhaas e Cecil Balmond nel 2006, Alvaro Siza e Eduardo Souto de Moura nel 2005, Oscar Niemeyer nel 2003, Toyo Ito nel 2002, Daniel Liebeskind nel 2001 e Zaha Hadid nel 2000.

Nell’immagine: SANAA, Zollverein School in Essen

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico