Risparmio energetico e progettazione responsabile, Christoph Ingenhoven a Bolzano

Si è tenuta lo scorso giugno a Bolzano la conferenza di Christoph Ingenhoven sulle sfide che l’architettura e la pianificazione sostenibile devono oggigiorno sostenere. Il progettista di “Stoccarda 21”, la nuova stazione ferroviaria di Stoccarda, vede nel progetto vincitore del concorso di idee sulla stazione di Bolzano, dell’architetto austriaco Boris Podrecca, l’innesco per uno sviluppo sostenibile in relazione alla pianificazione nel capoluogo provinciale. Secondo Ingenhoven “coraggio e determinazione sono le qualità richieste per le decisioni fondamentali”.

 

Con il motto “Supergreen – Green Building Standards” l’architetto di Düsseldorf Christoph Ingenhoven, invitato dalla Fondazione Architettura Alto Adige, ha relazionato sui temi di risparmio delle risorse, basso consumo energetico nelle costruzioni, progettazione responsabile e sensibile dello spazio pubblico, insistendo sulla pianificazione basata sul risparmio delle risorse, che dovrebbe essere concepita in modo organico e comprendere tutte le diverse fasi, dall’inizio alla fine del progetto. L’uso di energie rinnovabili e di risorse quali l’energia geotermica e l’acqua piovana, sono importanti pilastri su cui incentrare la pianificazione futura, così come altrettanto importanti sono l’integrazione di luce e ventilazione naturali. Occorre impegnarsi per ottenere un alto grado di comfort degli edifici attraverso un consumo minimo di fabbisogno energetico e di risorse. Secondo Ingenhoven, un buon potenziale per la realizzazione di questi presupposti, è presente anche nella realizzazione di edifici di grandi dimensioni.
In termini di sostenibilità diverranno standard progettuali elementi come il buon orientamento degli edifici in relazione alle condizioni climatiche, all’entità e direzione del vento, e l’uso di materiali riciclabili e di materiali la cui produzione non comporti un alto dispendio energetico diventerà sempre più diffuso.
La pianificazione che si basi sul risparmio delle risorse non può però limitarsi solo a soluzioni individuali. L’architetto sottolinea l’importanza di “una città compatta”, al fine di assicurare la molteplicità e prossimità delle funzioni evitando la realizzazione di grandi arterie di traffico. Nella pianificazione anche la componente sociale gioca un ruolo fondamentale. Ingenhoven sottolinea l’importanza della progettazione di spazi pubblici in cui le persone si sentano a proprio agio e dove sia incentivata la socializzazione. L’architettura dà forma agli spazi della comunità e deve influenzare positivamente lo spazio pubblico.

 

Durante la conferenza, Ingenhoven ha fatto riferimento anche al concorso di idee per la riqualificazione dell’area della stazione di Bolzano. Nel progetto vincitore dell’architetto Boris Podrecca vede il fondamento di una visione raggiungibile per piccoli passaggi successivi, una visione sensibile alla situazione esistente che non prevede strutture fuori scala o estranee al contesto. Sulla base della sua esperienza personale con il progetto “Stoccarda 21” (il progetto per la nuova stazione ferroviaria di Stoccarda), ha ribadito l’importanza della comunicazione immediata e completa delle informazioni, coinvolgendo anche la popolazione. Per la città di Bolzano, Ingenhoven suggerisce coraggio e determinazione nelle decisioni fondamentali, insieme a una sufficiente calma e al giusto tempo per affrontare le diverse fasi di realizzazione.

 

Fondato nel 1985, ingenhoven architects è uno degli studi di architettura leader nei settori dell’architettura sostenibile ed ecologicamente orientata. Il grattacielo per la RWE di Essen, progettato nel 1991 e completato nel 1996, è uno dei primi grattacieli “ecologici” ventilato in modo naturale, attraverso una doppia facciata. Nell’aeroporto di Francoforte, la nuova sede amministrativa della Lufthansa, realizzata in seguito al concorso internazionale del 1997, è un edificio che consuma solo un terzo dell’energia rispetto a una struttura per uffici equivalente, costruita con sistemi convenzionali. La stazione centrale di Stoccarda, la cui realizzazione era prevista a partire dal 2010, è stata premiata nel 2006 con l’“Holcim Global Gold Award” per il design sostenibile: la stazione a “energia zero” non necessita di riscaldamento, raffreddamento o ventilazione meccanica. La Banca europea di investimento del Lussemburgo, completata nel 2008, è stata insignita con la certificazione “Eccellente” ossia con il massimo livello di riconoscimento da parte del British Research Establishment Environmental Research Assessment (BREEAM). La Torre Breeze a Osaka è il primo grattacielo ecologico in Giappone con una doppia facciata vetrata, che ha ottenuto la certificazione “S-Class” nel sistema di classificazione CASBEE giapponese, ossia la valutazione più alta per costruzioni ecologiche. 1 Bligh a Sydney, sarà completato nel 2011 e sarà il primo grattacielo a ricevere la certificazione “6 Star-World Leadership” dall’australiano eco standard “Greenstar”, grazie alla doppia facciata vetrata e al grande atrio che funziona come sistema di ventilazione e raffreddamento.
www.ingenhovenarchitects.com

 

Per ulteriori informazioni
www.arch.bz.it

 

Nell’immagine di apertura, ingenhoven architects, Main Station Stuttgart, la nuova stazione ferroviaria di Stoccarda in corso di realizzazione. © ingenhoven architects

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico