Riqualificazione urbana, i vincitori del concorso ‘Energia sostenibile nelle città’

Sono stati premiati i vincitori della quarta edizione del Concorso nazionale “Energia sostenibile nelle città”, lanciato dall’Istituto Nazionale di Urbanistica in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. La Cerimonia di Premiazione si è svolta nel corso della giornata inaugurale di Urbanpromo 2011.

 

Due le categorie per le quali si è proceduto alla proclamazione dei vincitori, sulla base delle valutazioni della Commissione giudicatrice del Concorso, composta da esperti dell’INU e del Ministero dell’Ambiente: la Sezione A – Piani e Metodologie, indirizzata a valutare strumenti di pianificazione, a scala comunale o di area vasta che adottano approcci metodologici innovativi per la gestione delle problematiche ambientali ed energetiche, con la finalità di contribuire a un governo del territorio più efficiente, anche in termini di domanda e di offerta di energia, e la Sezione B – Progetti urbani energeticamente sostenibili, indirizzata verso la ricerca di nuove soluzioni progettuali “energeticamente sostenibili” o applicazione innovativa di soluzioni già esistenti a livello di comparto urbano o edilizio, volte a migliorare l’efficienza e/o il risparmio nell’uso dell’energia o a impiegare fonti rinnovabili, per accrescere la qualità urbana e la sostenibilità ambientale, migliorando al contempo la gestione del capitale energetico delle città.

 

Nella Sezione A ha vinto il  Comune di Padova con il progetto: “Padova Solare”, per aver attivato sul territorio comunale,  un insieme di azioni concrete locali tra loro coordinate, e integrate nel Piano di Azione per l’Energia Sostenibile, previsto dal Patto  dei Sindaci, volte a raggiungere la sostenibilità energetica degli interventi, con l’impiego di fonti di energia rinnovabile, e accompagnando la definizione delle azioni con intensa attività di partecipazione di cittadini e stakeholders.
Gli altri finalisti erano il Comune di Carugate con il progetto: “Costruire una nuova città. E la Provincia di Modena con il  “Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale e Piano Programma Energetico Provinciale di Modena”

 

Nella Sezione B ha avuto la meglio Tasca Studio Architetti Associati con il “Laboratorio di urbanistica partecipata, piano particolareggiato d’iniziativa pubblica e opere di urbanizzazione area ex mercato ortofrutticolo – Bologna”, per aver predisposto ed avviato all’attuazione, un progetto di riqualificazione che riguarda un importante pezzo di città, avvalendosi di una pianificazione integrata e che tiene conto anche delle modalità di finanziamento. Merita evidenziare anche l’ottimo processo partecipativo che è stato attuato e che ha avuto importanti ricadute sulle scelte progettuali. Inoltre il progetto ha anticipato, al momento della sua definizione, le disposizioni normative in materia di sostenibilità energetica e ambientale, prevedendo fin da subito edifici di Classe A e la mitigazione degli impatti delle opere previste.

 

Gli altri due finalisti erano Goldmann & Partners con il progetto “AIDA – come sei verde” e il Comune di Bolzano con il “Piano di attuazione Zona di Espansione C2 – viale Druso”.

 

A partire dall’edizione 2011 il concorso si è arricchito della collaborazione con ANIEM – Associazione Nazionale Imprese Edili – in veste di “partner tecnologico”.

 

Nell’immagine, Tasca Studio Architetti Associati, progetto dell’ex mercato ortofrutticolo, Bologna, vista del parco centrale, vincitore della Sezione ‘Progetti urbani energeticamente sostenibili’

 

Informazioni
www.campagnaSEEitalia.it

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico