Riqualificazione urbana e paesaggistica, il giardino delle Palme a Roma di StudioUap

Un giardino pubblico in stato di degrado, e quindi scarsamente utilizzato, confinante con il Forte Prenestino nel quartiere di Centocelle a Roma è il tema del progetto di riqualificazione ad opera di StudioUap in collaborazione con PAESAGGI&paesaggi. L’area ha la vocazione di vero e proprio giardino di quartiere trovandosi al centro di un popoloso settore urbano con una limitata dotazione di parchi e in prossimità di numerosi servizi. Il progetto si è aggiudicato il premio speciale “Progettazione partecipata” alla sesta edizione del Premio IQU – Innovazione e Qualità Urbana.

 

L’intervento per la riqualificazione del giardino Don Cadmo Biavati (il giardino di Via delle Palme), per precisa volontà del Municipio Roma VII, ha visto l’attivazione di un processo partecipato per l’individuazione di obiettivi e di opere condivise da tutti i cittadini per dare corso a un finanziamento regionale ottenuto dal Municipio. Dal processo partecipato è emerso un obiettivo comune, cioè quello di far diventare il giardino un luogo sicuro, adatto alla socialità, con garanzia di manutenzione nel tempo e cura del verde.
L’obiettivo del progetto è di far percepire nuovamente il giardino come punto di riferimento per le persone del quartiere, soprattutto per la compresenza di attività, tipologie di fruitori e, soprattutto, per il coinvolgimento degli stessi cittadini nell’ideazione e nella gestione del giardino. Il giardino per le sue modalità di progettazione e gestione potrà essere un riferimento per tutto il quartiere.

 

La nuova configurazione del giardino riconferma la sua struttura originaria, con un’area verde concettualmente suddivisa in due zone: la prima, lungo via Chiavenda, aperta al libero transito, la seconda, recintata, lungo via delle Palme.
Il percorso centrale esistente, che attraversa entrambe le aree, verrà mantenuto e valorizzato come asse principale del giardino, ridefinito lungo i bordi attraverso il recupero delle parti ammalorate. Il percorso sarà inoltre pavimentato con sabbia calcarea e dotato di arredi urbani per creare spazi di incontro e convivialità. Percorrendolo si incontreranno le seguenti “occasioni”:
– il parco aperto, in cui si interverrà integrando le aree a prato e adeguando le panchine esistenti;
– l’orto didattico, per il quale è previsto un intervento di bonifica di parte dell’attuale percorso in prossimità del centro anziani, al fine di ricostruire le condizioni di naturalità adatte alla coltivazione;
– l’area cani, dotata di una recinzione arborata e di cestini, fontana e panchine;
– la piazza di accesso, punto baricentrico tra il giardino aperto e quello recintato, già caratterizzato dalla presenza di una fontanella esistente, verrà sistemato con panchine e siepi fiorite a bassa manutenzione;
– l’orto dei fiori, creato per rendere percepibile la “stagionalità” in un giardino oggi privo di caratterizzazione;
– la nuova recinzione e il relativo cancello che proteggeranno la parte più attrezzata del giardino;
– l’area gioco ragazzi, all’interno della pista di pattinaggio esistente, in cui si prevedono la ricostruzione della pavimentazione, il recupero delle recinzioni e il trattamento della superficie del campo con resine colorate per un uso polifunzionale (pattinaggio, calcetto, pallacanestro, pallamano, ecc.);
– lo spazio per spettacoli, in prossimità della zona che ospiterà in futuro il chiosco, che sarà “arredato” con sedute in legno che sfruttano il dislivello planimetrico e un palco, anch’esso in legno, nell’area pianeggiante;
– l’area gioco bimbi, attrezzata con nuove “occasioni” di gioco, tra cui l’altalena a cesto, la piramide di corda, lo scivolo da pendio e l’equilibrio;
– l’area delle piante subtropicali, un tratto di giardino circondato da palme privo di giochi e destinato alla sosta.

 

Gli interventi previsti costituiscono un progetto “aperto”, al quale si potranno aggiungere in futuro nuove opere, in base alle esigenze dei cittadini e della Pubblica Amministrazione.
La riqualificazione del giardino è un fattore capace di innescare il rinnovamento e la riqualificazione di un territorio, ponendosi come tassello in un tessuto urbano da rimarginare e potenziare, più che nello stretto senso urbanistico, nella ricerca di una nuova immagine capace di imprimersi nell’immaginario collettivo della comunità locale come vera possibilità di rinnovamento e dialogo con l’esterno.

 

L’articolo completo e le immagini del progetto sono pubblicati nella e-zine n. 29 “URBANO”.

 

Nell’immagine, vista del progetto del giardino delle Palme di StudioUap: l’area gioco ragazzi, lo spazio per spettacoli e l’area gioco bimbi

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico