Riqualificazione paesaggistica, percorso ciclopedonale Fior di Loto

Il nuovo percorso ciclopedonale di Microscape architecture urban design riporta alla luce un vero e proprio “gioiello ambientale” che apre uno scenario nuovo in un territorio in gran parte deteriorato da un’urbanizzazione fortemente pervasiva e di scarsa qualità.

L’area oggetto di intervento fa parte del bacino settentrionale del Lago di Massacciuccoli; fino agli anni ’40 del Novecento l’area era occupata dalle coltivazioni di riso, poi sostituite sul finire degli anni ’60 dalla coltura di Fior di Loto, oggi una delle più vaste d’Europa. Il sito versava in uno stato di degrado e abbandono e la fruizione pubblica era negata.
Il percorso ciclopedonale “Fior di Loto”, sviluppandosi per la lunghezza di 1 km, connette la stazione ferroviaria di Bozzano con il centro di Massarosa ed è parte integrante del sistema dei percorsi ciclabili territoriali dedicati a Giacomo Puccini e ai luoghi della sua vita.

Il progetto si inserisce nel contesto ambientale interpretandone materiali e forme, rispondendo alle complesse esigenze tecnico-idrauliche dell’area e all’esigenza di un armonico inserimento paesaggistico. L’inaccessibilità e l’abbandono dell’area hanno permesso di preservarla nel tempo ma è stato fondamentale l’intervento pubblico (se pur con ridotte risorse economiche) per portarla alla fruizione e conoscenza della comunità.

Un’opera che si pone come un vero e proprio palcoscenico ambientale dove natura, coltivazione e infrastruttura instaurano un nuovo ed equilibrato dialogo. I vincoli idraulici sono risolti con tratti in rilevato e un pontile ligneo di 150 m di sviluppo, determinando variazioni della velocità di percorrenza, delle percezioni prospettiche e differenti sonorità.

Il pontile è realizzato in lamellare e massello di abete rosso su pali in acciaio, l’essenza lignea permette una lunga durata di esercizio (manutenzione estremamente limitata) e un corretto inserimento con la vegetazione palustre dominante.
Il progetto ha permesso di ottenere un impatto ambientale “zero”, i materiali sono tutti naturali, permeabili e senza agenti chimici che non interferiscono con la vita della ricca fauna presente.

I tratti in rilevato si qualificano per le sistemazioni ambientali di filari di pioppi cipressini che creano zone ombreggiate e le sequenze lineari di essenze arbustive creano un confine osmotico fra natura selvatica e costruzione. Il percorso ciclopedonale si configura come architettura naturalizzata dove la “natura costruita”, con il passare del tempo, si ibriderà con la “natura naturale” pur mantenendo la propria leggibilità: sottili linee cangianti cromaticamente al variare delle stagioni.

SCHEDA PROGETTO

Percorso ciclopedonale “Fior di Loto”

Luogo
Massarosa, Lucca

Committente
Comune di Massarosa

Progettazione architettonica e paesaggistica
MICROSCAPE architecture urban design AA

Strutture e sicurezza
ing. A. Bertini

Direzione lavori
MICROSCAPE architecture urban design AA

Impresa esecutrice
ATI Bicicchi Felice srl + Cemenbit srl

Cronologia
gara di servizi per progettazione e direzione lavori: 2011
incarico Progettazione Preliminare/Definitiva/Esecutiva: 2012-2013
cantiere: 2014
inaugurazione: Aprile 2015

Foto
© Pietro Savorelli

Per ulteriori informazioni
www.microscape.it

Nell’immagine di apertura, vista del percorso ciclopedonale “Fior di Loto”. Foto © Pietro Savorelli

 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico