Riqualificazione del complesso scolastico di Scurelle, Trento

Il nuovo ingresso del complesso di Scurelle, in provincia di Trento, è realizzato interamente in porfido sagomato in modo da ottenere una composizione di elementi figurativi che richiamano i temi dell’infanzia, del gioco e dell’apprendimento accostati in modo da creare un percorso che termina in una scenografia. Il linguaggio adottato è di tipo figurativo, le forme sono state stilizzate per essere chiaramente riconoscibili e comprese anche dai più piccoli. Il progetto si è aggiudicato il secondo premio alla quarta edizione del Premio Architettura Orizzontale, la cui cerimonia di premiazione si è svolta il 26 giugno presso la Facoltà di Architettura di Ferrara.

Il progetto dell’architetto Carlo Buffa per i nuovo atrio ld’ingresso del complesso scolastico di Scurelle, Trento, è concepito come un’opera d’arte che dalla scala e dalla pavimentazione risale su un setto verticale, come un percorso che termina con una scenografia.
L’idea per questa composizione è di rappresentare il luogo di apprendimento e formazione secondo l’immaginario dei bambini, in parte astratto e in parte formato da elementi figurativi riconoscibili e che suscitano curiosità, come un albero, le foglie, un bimbo, i libri, il gioco del puzzle, che si sviluppano armoniosamente e si organizzano negli spazi verticali ed orizzontali dedicati all’opera d’arte.
Ogni elemento ha un significato e una precisa collocazione spaziale all’interno della composizione:
– nella lama verticale è rappresentato un albero e un bimbo (simboli della crescita);
– nel pianerottolo centrale prosegue la scia delle foglie e si delinea l’ombra dell’albero e del bimbo inseriti in un gioco di forme;
– nel secondo pianerottolo si dispongono liberamente le sagome di libri aperti (simbolo della conoscenza e dell’apprendimento), fino ad arrivare al primo pianerottolo in cui la pavimentazione è strutturata come un puzzle (simbolo del gioco e della costruzione basata su piccoli elementi).
Il collegamento tra i diversi spazi in cui si sviluppa l’opera d’arte è dato dalla continuità degli elementi della composizione: le foglie sono presenti sia nei rami del setto verticale sia nel piano orizzontale, e questo suggerisce il movimento creato dall’azione del vento o dal passare delle stagioni; le figure rappresentate nel setto verticale (l’albero, il sole e il bimbo) sembrano specchiarsi o proiettare la loro ombra nel pianerottolo centrale; le linee ondulate che delineano lo sfondo del paesaggio nel setto verticale proseguono con andamento sinuoso negli spazi orizzontali; il gioco del puzzle è accennato nel secondo pianerottolo, le sagome dei libri aperti proseguono dal secondo pianerottolo a quello centrale.
Nelle parti circostanti e all’interno degli edifici sono inseriti elementi quali fiori, piante, alberi, giochi d’acqua, ecc. per ricreare un’atmosfera naturale e suggerire una sensazione di benessere.

L’opera è realizzata con quasi interamente con tremateriali:
– piastre in porfido fiammate (trattamento che permette di avere delle superfici molto regolari e piane) di grandi dimensioni e dello spessore di 3 cm per quanto riguarda tutte le pavimentazioni dei pianerottoli, così come la base del setto verticale che riprende la pavimentazione, la prima parte dell’albero fino all’altezza della pensilina di copertura dell’accesso e la figura del bambino.
I colori utilizzati sono nella gamma tipica del porfido Trentino rosso, rosso-viola, grigio.
– le foglie e le pagine dei libri nelle pavimentazioni sono in pietra calcarea tipo Biancone d’Istria.
Il porfido e la pietra calcarea sono materiali adatti per realizzare pavimentazioni con caratteristiche di stabilità e durata nel tempo, antisdrucciolo e antigelivo secondo la vigente normativa.
pannelli in acciaio inox satinato (trattamento che permette di rendere inalterabile nel tempo la colorazione del materiale e renderlo meno riflettente).
Tutte le parti che compongono l’opera (la lama verticale e le pavimentazioni) sono realizzate utilizzando la tecnologia del taglio con acqua ad alta pressione.

Il Premio Architettura Orizzontale è promosso dalla Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Ferrara e da E.S.PO., Ente Sviluppo Porfido del Trentino.

 

SCHEDA PROGETTO

Progettista
Architetto Carlo Buffa

Collaboratori
Ingegner Liliana Pierotto
CIDIEMME CUT
Installatore: Capra Daniele

Committente
Comune di Scurelle (Trento)

Cronologia
dicembre 2007: ideazione e progettazione
marzo 2008: esito del concorso
maggio 2008: inizio dei lavori
settembre 2008: fine dei lavori
novembre 2008: collaudo

Nell’immagine, dettaglio del nuovo ingresso del complesso scolastico di Scurelle, Trento, progettato dell’architetto Carlo Buffa

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico