Rigenerazione urbana, il progetto di riqualificazione dell’area portuale di Ancona

Il progetto Riqualificazione e riassetto funzionale dell’area portuale di Ancona e approfondimento di un quartiere residenziale nell’area ex-Fincantieri di Margherita Gavazzi, Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, ha come oggetto la riqualificazione dell’area portuale della città di Ancona come strategia di recupero del territorio urbanizzato, in contrasto con la tendenza diffusa rivolta a un consumo estensivo di aree inedificate.
Il progetto si è aggiudicato una Menzione d’Onore alla X Edizione del Premio Internazionale Architettura Sostenibile, categoria Progetti Elaborati come Tesi di Laurea, la cui cerimonia di premiazione si è tenuta lo scorso 18 giugno presso il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Ferrara.

 

Il progetto nasce dalla necessità di individuare strategie per lo sviluppo sostenibile di una città che, negli ultimi settant’anni, ha perso il suo paesaggio storico e tradizionale, e quindi la sua identità. L’area individuata, in particolare, è quella portuale, nella convinzione che l’architettura sostenibile non riguarda solo l’innovazione tecnologica ma anche, e soprattutto, una progettazione in grado di rispettare il paesaggio, la storia e le tradizioni del luogo.
Il tema del riuso del patrimonio esistente abbandonato, evitando il consumo di suolo attraverso l’urbanizzazione di nuove aree, è il presupposto da cui parte il progetto di rigenerazione e riassetto funzionale, parallelamente alla realizzazione del nuovo quartiere di Fincantieri in opposizione ai fenomeni di urban sprawl al fine di ripopolare il centro della città e bloccare il fenomeno di caotica urbanizzazione caratterizzata da case unifamiliari e centri commerciali che provocano alti livelli di inquinamento oltre che di consumo del suolo.

 

Secondo il parere della giuria, composta da Thomas Herzog, Glenn Murcutt, Erik Bystrup, Nicola Marzot e Antonello Stellail progetto prevede la riqualificazione dell’area portuale della città di Ancona come strategia di recupero del territorio urbanizzato, in contrasto con la tendenza diffusa rivolta a un consumo estensivo di aree inedificate. Il programma d’intervento si sviluppa attraverso una ridefinizione delle destinazioni d’uso, che contemplano l’inserimento di spazi residenziali e turistici, tali da condurre a ricucire l’area del porto con la città storica, in una sinergia di programma che possa indurre una mutua rigenerazione e qualificazione urbana. Anche alla scala architettonica la tesi persegue obiettivi di sostenibilità progettando il nuovo edificato secondo adeguati criteri bioclimatici e prefigurando elevati livelli di efficienza energetica”.


SCHEDA PROGETTO
Riqualificazione e riassetto funzionale dell’area portuale di Ancona
Menzione d’Onore | Premio Internazionale Architettura Sostenibile 2012
Categoria Progetti Elaborati come Tesi di Laurea


Studente
Margherita Gavazzi


Università
Università degli Studi di Roma “La Sapienza”


Facoltà
Facoltà di Architettura


Relatore
Roberto A. Cherubini


Correlatori
Anna Esposito, Sergio Fabio Zevi


Anno Accademico
2011-2012

 

Nell’immagine di apertura, vista del progetto di riqualificazione e riassetto funzionale dell’area portuale di Ancona di Margherita Gavazzi

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico