Restyling ad ‘arte’: il nuovo SFMOMA di Snøhetta

Il Museo di Arte Moderna di San Francisco (SFMOMA) si prepara ad accogliere nuove importanti collezioni grazie al rilevante ampliamento progettato dallo studi scandinavo Snøhetta. L’attuale museo, inaugurato nel 1995 su progetto dell’architetto Mario Botta, vedrà duplicare gli spazi espositivi ed incrementare in maniera in significativa gli spazi pubblici rivolti alla città, attraverso l’intersezione delle funzioni museali con uno spiccato utilizzo “sociale”, ovvero rivolto alla comunità.

 

Il nuovo edificio prevede sette piani dedicati all’arte, un grande spazio white box dall’allestimento versatile per spettacoli e performance dal vivo, due nuovi ingressi su Minna e Howard Street oltre a quello esistente su Third Street, e una nuova galleria vetrata che consentirà di godere dell’arte in maniera del tutto gratuita.

 

Elemento caratterizzante del progetto di Snøhetta è sicuramente l’enorme giardino verticale ricoperto di piante autoctone di San Francisco, una gigantesca parete verde che farà da contorno ad un’area espositiva all’aperto dedicata alla scultura. A completare la visita e a sancire il patto solidale con la città verrà costruita una terrazza panoramica all’ultimo piano, punto di vista privilegiato sul fantastico skyline di San Francisco.
L’apertura del museo è prevista per il 2016.

 

a cura di Simona Ferrioli

 

SCHEDA PROGETTO

Ampliamento SFMOMA
San Francisco Museum of Modern Art

 

Luogo
San Francisco

 

Progettisti
Snøhetta Architects

 

Per ulteriori informazioni
www.snohetta.com
www.sfmoma.org

 

Nell’immagine di apertura, vista dell’ampliamento su Third Street. © Snøhetta e MIR

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico