Restauro, spazio pubblico, sostenibilità: i nuovi progetti nell’Archivio

Sono disponibili nuovi progetti nell’Archivio di architetti.com, il catalogo on-line che consente la navigazione all’interno di centinaia di progetti e realizzazioni suddivisi per categorie: spazi intimi (design, arredamento, ecc.), spazi urbani (piazze, parchi, ecc.), spazi pubblici (musei, municipi, uffici, ecc.), spazi residenziali (case a schiera, isolate, tipologie ibride, torri residenziali, ecc.). Ogni progetto è composto da schede descrittive e visualizzazioni per immagini, e la banca dati permette un’indicizzazione per autore, anno di realizzazione, luogo e tipologia. Il catalogo si arricchisce giorno per giorno sia con gli inserimenti di tutti gli architetti che visitano il sito e che offrono la loro disponibilità di pubblicazione, sia con le proposte partecipanti a prestigiosi premi di architettura, quali il Premio Internazionale Architettura Sostenibile, il Premio Domus “Restauro e Conservazione”, il premio IQU (Innovazione e Qualità Urbana), il Premio Dedalo Minosse alla Committenza di Architettura, ecc.

 

Per consultare l’archivio progetti devi fare solo una cosa: iscriverti al sito.
Iscriviti ad Architetti.com. È gratis.

 

I nuovi progetti disponibili, in particolare, riguardano:

 

restauro architettonico: dal progetto di restauro del lato meridionale dell’Abbazia di Altenburg degli architetti Christian Jabornegg e András Pállfy la cui strutturazione interna consente ai visitatori di osservare i diversi livelli, stratificatisi nel corso dei secoli, e di orientarsi in maniera chiara in tutta l’area espositiva, al progetto di restauro e ampliamento del castello Hambacher Schloss di Max Dudler basato sull’esposizione dei vari strati e delle varie modifiche che la storia ha apportato al sito sin dalla sua costruzione risalente all’epoca romana e reinterpretando il concetto del muro in chiave contemporanea in assonanza con le vecchie mura del castello;

 

– il progetto dello spazio pubblico, con Piazza Fontana a Rozzano, nella periferia sud di Milano, dello studio Labics, che riqualifica un ampio spazio aperto degradato e senza alcun carattere ed offrire alla comunità locale uno nuovo luogo pubblico flessibile e condiviso attraverso il progetto del suolo, del verde e dell’arredo urbano, e il Centro Civico Roberto Gritti a Ranica, Bergamo, di DAP Studio, che ospita una pluralità di funzioni pubbliche (biblioteca, auditorium, asilo, scuola di danza e teatro) configurandosi come un nuovo importante catalizzatore urbano i cui spazi aperti inclusi nel perimetro fungono da filtro e cerniera con la città e relazionano la scala urbana con quella architettonica;

 

sostenibilità e impatto ambientale, con il progetto Exbury Egg, nato dalla collaborazione tra gli studi di architettura SPUD e PAD, l’architetto navale Stephen Payne e il costruttore di barche Paul Baker, uno spazio scultoreo galleggiante, temporaneo e completamente autosufficiente che per un anno fluttuerà sulle acque dell’estuario del Beaulieu con lo scopo di studiare l’andamento delle maree;

 

architettura contemporanea, con Telus Sky Tower a Calgary, Canada, di studio BIG, il grattacielo che ospiterà la nuova sede della società Telus, un mix innovativo che sovrappone i due archetipi architettonici del grattacielo e dell’abitazione singola all’interno di un gioco concettuale che sfocia in un vero e proprio programma funzionale misto: la torre si trasforma salendo verso il cielo e, mentre al piano terra gli spazi dedicati agli uffici sono aperti e trasparenti, man mano che si sale la sezione generosa del grattacielo lascia il posto ad una silhouette più assottigliata che accoglie gli spazi residenziali.

 

Nell’immagine, studio BIG, vista del progetto Telus Sky Tower a Calgary, Canada. © BIG

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico