Restauro e rifunzionalizzazione, la Villa des Arts a Parigi

La Villa des Arts, situata ai piedi di Butte Montmartre nel diciottesimo arrondissement di Parigi, è stata recentemente oggetto di un importante restauro e rifunzionalizzazione ad opera degli architetti Grégoire Oudin (APGO) e Bertrand Naut (ABN), per ospitare una serie di laboratori per artisti.

In questo luogo, ricco di storia e di cultura, che ha accolto alcuni dei più grandi artisti del XIX e XX secolo, il tema del recupero è stato di fondamentale importanza. Anche se è stato adottato un approccio contemporaneo al restauro dell’edificio, è stato necessario proteggere questo edificio storico e conservarne e ripristinarne non solo la “materia” ma anche la sua memoria e il suo “spirito”.

Il progetto di rifunzionalizzazione dell’edificio, la cui articolazione si sviluppa attorno a una corte centrale, ha previsto il mantenimento di trentasei alloggi e quarantasette laboratori per artisti.
Il carattere e la tipologia delle abitazioni sono stati conservati. Per quanto possibile tutte le stanze, grandi o piccole, hanno mantenuto un arredamento semplice, soffitti in gesso con cornici e stucchi decorativi, pannellature, caminetti, parquet e pavimenti in cotto.
Per rendere le abitazioni più confortevoli e in linea con i moderni standard di vita, le cucine e i bagni sono stati riqualificati e dotati di aperture che consentissero l’ingresso di luce e ventilazione naturale.

I soppalchi dei laboratori furono originariamente concepiti come spazi aggiuntivi per lasciare agli artisti spazi funzionali al livello sottostante, con ingresso, piccolo soggiorno e toilette privata. Nel corso degli anni questa organizzazione spaziale è stata modificata, e i soppalchi sono stati ampliati, suddivisi o chiusi; i progettisti hanno quindi scelto di ripristinarne il layout originario, enfatizzando  inoltre l’ingresso della luce naturale, caratteristica fondamentale di questi spazi.

I fronti esterni, nel complesso ben conservati, sono stati restaurati al fine di ripristinare il loro aspetto originario e leggermente modificati per migliorare il comfort degli occupanti dell’edificio, in particolare per quanto riguarda l’ingresso di luce naturale o, viceversa, la necessità di ombreggiare alcune zone.
Tuttavia il carattere architettonico delle facciate è andato perduto a causa delle condizioni in cui versavano coperture in vetro, lucernai e finestre che sono state smantellante laddove il degrado era irreversibile e sostituite con profili in alluminio e PVC.
Per raggiungere un adeguato livello di comfort e vista la destinazione d’uso dell’edificio, è stata condotta un’approfondita ricerca in merito alla modalità di recupero delle facciate utilizzando profili in alluminio che hanno consentito di replicare gli elementi in ferro battuto e il ritmo compositivo dei prospetti.

a cura di Federica Maietti

SCHEDA PROGETTO

Villa des Arts

Localizzazione
Parigi

Contractor
RIVP

Proprietario
Municipalità di Parigi

Progetto
APGO | lead architect
ABN | associated architect

Project manager
Frédéric Batisse

Superficie
6.190 mq

Cronologia
Progetto: 2007
realizzazione prima fase: luglio 2012
realizzazione prima fase: gennaio 2014

Per ulteriori informazioni
www.apgo-archi.fr

Nell’immagine di apertura, vista notturna dell’edificio restaurato. Foto © Hervé Abbadie

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico