Renzo Piano in Uganda con Emergency per un nuovo ospedale pediatrico

Venerdì scorso, 10 febbraio 2017, Renzo Piano e Gino Strada, insieme al Presidente Museveni e al ministro della Sanità Jane Ruth Aceng, hanno posato la prima pietra del nuovo progetto di Emergency in Uganda: un Centro di eccellenza in chirurgia pediatrica che sorgerà a Entebbe, sul Lago Vittoria, a 35 km da Kampala.

Il nuovo ospedale di Entebbe sarà il secondo Centro di eccellenza della “Rete sanitaria d’eccellenza in Africa” (ANME – African Network of Medical Excellence), dopo il Centro Salam di cardiochirurgia di Khartoum, in Sudan. Questa rete è stata creata su iniziativa di Emergency nel 2009 con lo scopo di sviluppare i sistemi sanitari dei paesi aderenti e portare sanità gratuita, ma di eccellenza, in Africa, affermando il diritto di ogni essere umano a ricevere cure gratuite e di elevata qualità.

Leggi anche l’articolo La scuola modella pensata da Renzo Piano

In Uganda, e nei paesi limitrofi, la mortalità infantile è molto elevata, e garantire cure chirurgiche gratuite è una priorità. L’ospedale sarà un centro di riferimento per i pazienti ugandesi, ma anche per bambini con necessità chirurgiche provenienti da tutta l’Africa.

Il Governo ugandese ha deciso di partecipare attivamente al progetto, donando il lotto di terreno dove sarà costruito il Centro chirurgico. Renzo Piano Building Workshop, in collaborazione con Tamassociati, con la progettazione strutturale di Milan ingegneria e la progettazione impiantistica di Prisma engineering, lo ha disegnato.

Racconta Renzo Piano “Quando Gino Strada mi ha chiesto di partecipare a questa nuova sfida di Emergency non ci ho pensato due volte, ho detto immediatamente sì! Questo ospedale sarà un modello di eccellenza medica, sostenibilità ambientale, indipendenza energetica e armoniosa distribuzione dello spazio. Vogliamo utilizzare le risorse della terra, l’acqua e il sole, i migliori traguardi della modernità, quelli veri.

L’ospedale, che sarà costruito in terra cruda pisè, avrà 3 sale operatorie e 78 posti letto e sarà anche un centro di formazione di giovani dottori e infermieri provenienti dall’Uganda e dintorni. Un’attenzione particolare sarà destinata agli aspetti ambientali: in copertura il centro avrà un impianto di circa 2600 pannelli solari fotovoltaici per soddisfare il fabbisogno energetico nella sua totalità.

Aggiunge Piano: “L’ospedale sarà edificato sulle rive del Lago Victoria, circondato da natura e alberi. La vegetazione sarà l’orizzonte dei piccoli ospiti, gli alberi come metafora del processo di guarigione”.

Leggi anche Top 50 studi di architettura in Italia: Renzo Piano sempre al primo posto

 

Nell’immagine, Renzo Piano e Gino Strada durante la cerimonia di posa della prima pietra.

CONDIVIDI

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here