Recupero dei fari, 9 sono già pronti per gli interventi

Aggiudicati i primi 9 degli 11 fari messi sul mercato il 12 ottobre scorso con il primo bando di gara Valore Paese – FariCome da accordi, i fari saranno dati in concessione fino a un massimo di 50 anni.

Leggi anche l’aggiornamento del 27 luglio 2016: Recupero dei fari, a settembre il nuovo bando 

Investitori esteri, imprese locali e giovani imprenditori, società dell’industria turistico-ricettiva, associazioni esperte in tutela ambientale e in attività sociali daranno il via al recupero di questi gioielli del mare, situati in contesti di grande pregio paesaggistico e naturalistico. Nei prossimi mesi, una volta ultimate tutte le verifiche amministrative previste dal bando, si procederà alla stipula dei contratti di concessione.

L’intera operazione comporterà un investimento di circa 6 milioni di euro per riqualificare le strutture, con una ricaduta economica complessiva di circa 20 milioni di euro e un conseguente risvolto occupazionale diretto di oltre 100 operatori. Lo Stato incasserà oltre 340 mila di euro di canoni annui che, in considerazione della differente durata delle concessioni, ammonterà a oltre 7 milioni di euro per tutto il periodo di affidamento.

Per il Faro di Punta Cavazzi ad Ustica (vedi immagine di apertura), la società Sabir Immobiliare srl, aggiudicataria, ha proposto un progetto di accoglienza sul modello foresteria in cui sviluppare momenti dedicati alla formazione, allo studio e all’intrattenimento. Un hub culturale che potrà diventare punto di riferimento per studenti e giovani ricercatori appassionati al tema del mare.

Il progetto di Lorenzo Malafarina a cui va il Faro Capo Grosso nell’isola di Levanzo a Favignana prevede un resort in cui ospitare workshop di cucina, fotografia, eventi, escursioni e attività legate alla vela, alla pesca e allo yoga. Il faro sarà inserito in un network turistico di livello internazionale.

Il Faro di Brucoli ad Augusta sarà allestito da Azzurra Capital srl come punto di accoglienza turistica associato ai prodotti eno-gastronomici locali.

L’ultimo faro siciliano, quello di Murro di Porco a Siracusa, è stato assegnato a Sebastian Cortese, un giovane imprenditore under 30, che ha proposto un modello di business articolato su vari fronti: ristorazione, marketing, congressi, eventi e ben 14 posti letto tra suite e boutique apartment.

La società tedesca Floatel GMbH, specializzata nel recupero di lighthouse in Scozia, Spagna e Germania, valorizzerà i Fari di San Domino alle isole Tremiti e di Punta Imperatore a Forio D’Ischia secondo un modello di “rifugio nel faro”, uno spazio di riflessione e raccolta con un approccio minimal e di standard elevato.

Il Faro di Capo D’Orso a Maiori sarà gestito dal WWF Oasi Soc. Unipersonale arl che accanto agli spazi per l’ospitalità realizzerà un osservatorio marino-costiero, con un centro visite, percorsi natura e una bottega dei sapori.

Sull’isola del Giglio, per il Faro di Punta Fenaio la società S.N.P. di Pini Paola & C. snc ha presentato un progetto di riqualificazione della struttura finalizzato a promuovere una forma di ricettività turistica legata ai caratteri distintivi del territorio.

Infine, per il faro di Punta Capel Rosso la ATI Raggio – Le Esperidi partirà dal recupero della memoria storica del faro per far sì che diventi un museo dinamico, dove ogni componente dovrà essere coerente con l’idea di recupero e compatibile con gli obiettivi dell’Ente Parco e di sviluppo del territorio.

 

Scarica qui la SCHEDA con tutti i dati (durata della concessione, somma dei canoni offerti attualizzati, investimenti previsti).

 

Immagine di apertura, Faro di Punta Cavazzi, a Ustica, concesso a Sabir Immobiliare Srl.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico