Quarto conto energia, incentivi fotovoltaico in Gazzetta: le disposizioni comuni

Ecco altri dettagli sugli incentivi al fotovoltaico contenuti nel Quarto conto energia pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 12/5/2011. Riportiamo di seguito alcuni estratti importanti dal “Titolo I – Disposizioni comuni” che riguardano le condizioni per ottenere gli incentivi, gli indennizzi in caso di perdita del diritto alla tariffa incentivante e l’iscrizione al registro per i grandi impianti. Nell’articolo di questa mattina, altri dettagli dal “Titolo II – Impianti solari fotovoltaici”.

 

 

Art. 2 Criteri generali del regime di sostegno  

1. Il regime di sostegno è assicurato secondo obiettivi indicativi di progressione  temporale della  potenza  installata  coerenti  con previsioni annuali di spesa. 

2. Fatte salve  le  disposizioni  transitorie  per  l’accesso  agliincentivi definite per gli anni 2011 e 2012, il superamento dei costi annui indicativi definiti per ciascun anno o  frazione  di  anno non limita  l’accesso  alle  tariffe  incentivanti,  ma   determina   una riduzione aggiuntiva delle stesse per il periodo  successivo,  tenuto conto del costo indicativo cumulato annuo di cui all’art. 1, comma 2. 

3. Al raggiungimento del minore  dei  valori  di  costo  indicativo cumulato annuo di cui all’art. 1, comma 2, con decreto  del  Ministro dello sviluppo economico di concerto con il Ministro dell’ambiente  e della tutela  del  territorio  e  del  mare,  sentita  la  Conferenza unificata, possono essere riviste le modalita’ di  incentivazione  di cui al presente decreto, favorendo in ogni caso l’ulteriore  sviluppodel settore. 

 

 

Art. 6  Condizioni per l’accesso alle tariffe incentivanti 

1. Gli impianti accedono alle tariffe incentivanti con le modalità e nel rispetto delle condizioni fissate dal presente decreto. 

2. I grandi impianti che entrano in esercizio entro  il  31  agosto 2011 accedono direttamente alle  tariffe  incentivanti,  fatto  salvo l’onere di comunicazione al GSE dell’avvenuta  entrata  in esercizio entro 15 giorni solari dalla stessa. 

3. Per gli anni 2011 e 2012 i grandi impianti che non ricadono  tra quelli di cui al comma 2 accedono alle tariffe  incentivanti  qualora ricorrano entrambe le seguenti ulteriori condizioni: 
a) l’impianto è stato iscritto nel registro di cui all’art. 8, in posizione tale da rientrare nei limiti specifici di costo definiti per ciascuno dei periodi di riferimento di cui all’art. 4, comma 2. A tal fine, il limite di costo per  il  2011  è  inclusivo  dei  costi connessi all’incentivazione dei grandi impianti entrati in  esercizio entro  il  31  agosto  2011. Qualora   l’insieme   dei   costi   di incentivazione per i grandi impianti entrati in esercizio entro il 31 agosto 2011 e degli iscritti nel  registro  di  cui  all’art. 8  per l’anno 2011 determini il superamento del limite di costo previsto perlo stesso periodo, l’eccedenza comporta una riduzione di pari importo del limite di costo relativo al secondo semestre 2012; 
b) la certificazione di fine lavori dell’impianto perviene al GSE entro sette mesi dalla data di pubblicazione della graduatoria di cui all’art. 8, comma 3; il predetto termine è incrementato a nove mesi per gli impianti di potenza superiore a 1 MW. 
4. In tutti i casi la  tariffa  incentivante  spettante  è  quella vigente alla data di entrata in esercizio dell’impianto. 
5. Lo spostamento di un impianto fotovoltaico in un sito diverso da quello di prima installazione comporta la decadenza dal diritto  alla tariffa incentivante. Eventuali modifiche, sullo stesso  sito,  della configurazione dell’impianto non  possono comportare  un  incremento della tariffa incentivante. 

 

 

Art. 7  Indennizzo nel caso di perdita del diritto a una determinata tariffa incentivante 
1.
Nei casi in cui il mancato rispetto, da  parte  del  gestore  di rete, dei  tempi  per  il completamento  della  realizzazione  della connessione e per l’attivazione  della  connessione, previsti  dalla deliberazione dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas del  23 luglio 2008, ARG/elt 99/08 e il relativo  allegato  A,  e  successive modiche ed integrazioni,  comporti  la perdita  del  diritto  a  una determinata  tariffa  incentivante, si  applicano le  misure   di indennizzo previste e disciplinate dalla delibera dell’Autorita’  per l’energia elettrica e il gas ARG/elt 181/10 e relativo allegato A,  e successive modifiche e integrazioni.

 

 

 

Art. 8 Iscrizione al registro per i grandi impianti 
1. Per gli anni 2011 e  2012  i  soggetti  responsabili  di  grandi impianti devono richiedere al GSE l’iscrizione all’apposito  registro informatico, inviando la documentazione di cui all’allegato 3-A. 
2. Per l’anno 2011 le richieste di iscrizione  al  registro  devono pervenire al GSE dal 20 maggio al 30 giugno 2011.
Per lo stesso anno, il periodo per l’iscrizione al registro  è  riaperto, nel  caso  di ulteriore disponibilità nell’ambito  del  limite  di  costo  di  cui all’art. 4, comma 2, dal 15 settembre al 30 settembre  2011.  Per  il primo semestre dell’anno 2012 il periodo per l’iscrizione al registro decorre dal 1° al 30 novembre 2011 e viene successivamente  riaperto, nel caso di ulteriori disponibilita’, nell’ambito del limite di costo di cui all’art. 4, comma 2, dal 1° al 31 gennaio 2012.
Per il secondo semestre dell’anno 2012  il  periodo  per  l’iscrizione  al  registro decorre dal 1° al 28 febbraio 2012 e viene successivamente  riaperto, nel caso di ulteriori disponibilità, nell’ambito del limite di costo di cui all’art. 4, comma 2 dal 1° al 31 maggio 2012, tenuto conto di quanto stabilito dall’art. 6, comma 3, lettera a), terzo periodo. 
3. Il GSE forma la graduatoria degli impianti iscritti al  registro e la pubblica sul proprio sito entro quindici giorni dalla  data  di chiusura  del  relativo  periodo,  secondo  i  seguenti  criteri di priorità, da applicare in ordine gerarchico: 
a) impianti entrati in esercizio alla data di presentazione della richiesta di iscrizione; 
b) impianti  per  i  quali  sono  stati  terminati  i  lavori  di realizzazione alla  data  di  presentazione   della   richiesta   di iscrizione; in tal caso, fermo restando quanto previsto all’art. 9;
c) precedenza della data del pertinente titolo autorizzativo; 
d) minore potenza dell’impianto; e)  precedenza  della  data  della  richiesta  di  iscrizione al registro. 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico