Qualità architettonica e innovazione tecnologica, i vincitori della nona edizione del Grand Prix

La cerimonia conclusiva della nona edizione del concorso Grand Prix, con premiazione dei vincitori, si è svolta lo scorso 11 maggio a Milano, alla presenza di oltre 500 persone, nel contesto scenografico dello Spazio CityLife, all’interno dell’area-cantiere dove sono in avanzata fase di realizzazione gli edifici delle residenze progettate da Daniel Libeskind. La premiazione, che ha visto la partecipazione di autorevoli esponenti della cultura architettonica e personalità del mondo del progetto, della critica, dell’università e della comunicazione, è stata preceduta da un intervento del presidente di Casalgrande Padana, Franco Manfredini, e dal saluto di Claudio Artusi, presidente di CityLife.

 

Oltre vent’anni di storia, nove edizioni, più di millecinquecento progetti provenienti dai cinque continenti: questi i pochi numeri che identificano il Grand Prix, e che Manfredini ha voluto evidenziare per dare l’idea dell’importanza raggiunta da questo concorso di architettura; osservatorio privilegiato sull’evoluzione in atto nell’utilizzo della ceramica e, più in generale, sullo sviluppo della ricerca progettuale e costruttiva; operazione culturale di rilievo che è cresciuta e si è sviluppata nel tempo, assumendo un ruolo sempre più internazionale e di riferimento per l’intero settore; iniziativa attraverso la quale Casalgrande Padana ha sempre inteso sviluppare e rendere più ravvicinato ed efficace il rapporto tra chi produce e chi applica, in modo da innescare un circolo virtuoso capace di generare prodotti e progetti fortemente orientati all’innovazione tecnologica e alla qualità architettonica.


I PROGETTI VINCITORI
Centri commerciali
Primo Premio
Sergey Nagrebel’nyy – OOO “ASK Gorod” | Shopping Centre, Yekaterinburg, Russia


Secondo Premio
Design International & Corvino+Multari | Shopping Centre “La Cartiera”, Pompei, Napoli


Terzo Premio
Graziano Facchini – CST srl – GruppoFINIM | Shopping Centre “Città dei Templi“, Agrigento


Edilizia pubblica e dei servizi, edilizia industriale
Primo Premio
Andrea Mambriani, Laura Barbieri | Cedacri Group Headquarter, Collecchio, Parma


Secondo Premio
Massimiliano e Doriana Fuksas Studio Fuksas | School Georges-Frêche, Montpellier, Francia


Terzo Premio
Thomas Bamberg Architetto BDA – Bamberg Architektur | Church, Sonnenbühl, Germania


Menzioni
Valeriya Shubina – OOO OMA-9 | “Theological Seminary”, Kolomna, Russia
APA Czech_Dulin´ ski_Wróbel | Agencja Projektowa „Architektura” sp. zo.o. – Airport Jasionka, Rzeszow, Polonia
Eik Kammerl – Kammerl+Kollegen | NewMetro Station, Aschaffenburg, Germania


Edilizia residenziale
Primo Premio
Javier Artadi – Artadi Arquitectos | Las Palmeras House, Lima, Perù


Secondo Premio
Justin Quinlan – The Quinlan Group | Piccoli Residence, Griffith, Austria


Terzo Premio
Louis Phillips Louis Phillips Architects and Associates | Pearl Valley Golf Estate, Paarl, Sud Africa


Menzione
Alain Demarquette | Private House, Merignies – Private House, Cambrai, Francia

 

Rivestimenti di facciata, pavimentazioni esterne
Primo Premio
Studio di Architettura Anselmi & Associati | Complesso parrocchiale San Pio da Pietrelcina, Roma


Secondo Premio
Alessandro Traldi – Atelier Traldi | School Complex, Massalengo, Lodi


Terzo Premio (ex aequo)
Architetto Silvio D’Ascia & ATI Servizi Integrati – IDI | “La Porta Del Parco”, Bagnoli, Napoli


Terzo Premio (ex aequo)
5+1AA Alfonso Femia, Gianluca Peluffo | “Ex Metalmetron”, Savona


Piscine
Primo Premio
Marco Ciarlo & Fabio Fabiano | Swimming Pool, Savona


Menzioni
Jean-Luc Roussel – Atelier 3A | Swimming Pool, Leffrinckoucke, Francia
Alain Sarfati | S. Area Alain Sarfati Architecture – “Centre Aqua-Ludique”, Arras, Francia

 

In continuità con la premiazione si è svolta la lectio magistralis dell’architetto Daniel Libeskind che ha presentato una selezione di opere – dal Museo Ebraico di Berlino al masterplan per l’area del World Trade Center di New York – attraverso le quali si sono potuti evidenziare e comprendere i caratteri distintivi del suo modo di lavorare, gli aspetti originali della sua azione di ricerca progettuale. L’esposizione si è focalizzata in particolare sull’intervento delle Residenze CityLife per le quali sono stati impiegati oltre 50.000 mq di rivestimenti esterni prodotti da Casalgrande Padana.

 

La manifestazione si è simbolicamente conclusa con il lancio della decima edizione del Grand Prix, la cui scadenza è fissata al 31 dicembre 2015. Come sempre, saranno ammesse al concorso le opere realmente eseguite a quella data e che non hanno partecipato alle precedenti edizioni.


Per ulteriori informazioni
www.casalgrandepadana.com

 

Nell’immagine, “La Porta Del Parco”, Bagnoli, Napoli, architetto Silvio D’Ascia & ATI Servizi Integrati – IDI; terzo premio ex aequo categoria Rivestimenti di facciata, pavimentazioni esterne

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico