Quali cose siamo

Uno dei lavori realizzati da Pierluigi Piu per la XIX Biennale dell’Artigianato Sardo, tenutasi a Sassari lo scorso agosto 2009, è stato selezionato da Alessandro Mendini, curatore della mostra Quali cose siamo, e sarà esposto al Triennale Design Museum di Milano dal 27 marzo 2010 al 27 marzo 2011.
L’ipotesi curatoriale alla base di questa terza edizione di Triennale Design Museum (le due precedenti s’intitolavano “Le Sette Ossessioni del Design Italiano” e “Serie Fuori Serie”) è che in Italia esista un grande e infinito mondo parallelo a quello del design istituzionale, un design invisibile e non ortodosso. Il punto di osservazione si sposta sulla storia e sulle storie che scaturiscono dai singoli oggetti che, messi uno accanto all’altro, creano una rete di relazioni e rimandi, un paesaggio multiforme capace di provocare squilibri e spiazzamenti, ma ricco di emozione e spettacolarità.
Una selezione di opere dei Maestri, di artisti, di giovani designer entra in dialogo con oggetti inaspettati che, di primo acchito, non sembrano “fare sistema” ma, in realtà, non sono quello che sembrano. Se guardati attraverso nuovi punti di vista, mostrano una complessa matrice progettuale, forniscono un’ulteriore, inedita, testimonianza della creatività italiana e contribuiscono a definire in altro modo la nostra identità e l’essenza del design italiano. Il museo “mette in scena” il design italiano rinnovando non solo il tema-chiave e l’ordinamento scientifico, ma anche l’allestimento che, per questa interpretazione, è stato affidato al minimalismo poetico del francese Pierre Charpin.

 

SCHEDA EVENTO

 

Triennale Design Museum
Terza interpretazione

 

Quali cose siamo

Aperta al pubblico dal 27 marzo 2010

 

Direttore
Silvana Annicchiarico

 

Cura scientifica
Alessandro Mendini

 

Progetto dell’allestimento
Pierre Charpin

 

Progetto grafico
Jean-Baptiste Parré

 

Catalogo Electa

 

Nell’immagine, Suber, Pierluigi Piu 2009, “Nonsoloferro”. Courtesy Assessorato del Turismo,
Artigianato e Commercio, Cagliari

 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico