Proroga Detrazione 50%, vale per mobili fissi come armadi a muro e cucine in muratura

Quindi, dopo il CdM di questa mattina, la Detrazione 50% per lavori di ristrutturazione è slittata a fine 2013 e comprenderà anche i mobili fissi. La detrazione 55% per interventi di risparmio energetico salirà invece al 65% fino al 31 dicembre 2013 e fino al 31 dicembre 2014 per interventi importanti. Le agevolazioni fiscali sarebbero state altrimenti assorbite dalla Detrazione 36%, a partire dal 1° luglio 2013.

 

Necessario sottolineare un nuovo dettaglio: la Detrazione 50% per lavori di ristrutturazione comprenderà anche i mobili fissi, per esempio gli armadi a muro e le cucine in muratura. Lo ha dichiarato il ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato: “Ci sarà un’agevolazione anche per i mobili, ma quelli fissi compresi nella muratura, non per i comodini e altro”.

 

IMPORTANTE!
Così stavano le cose fino alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del 5 giugno 2013 del decreto 63/2013, nel quale il Bonus mobili è esteso ai mobili acquistati per l’arredo dell’unità immobiliare oggetto di ristrutturazione. Opportuna la precisazione che non c’è Bonus Mobili se non c’è una ristrutturazione edilizia di un appartamento. Per saperne di più leggi Bonus mobili in vigore da oggi nel decreto detrazione 50% e detrazione 65%.

 

La proposta originaria del Ministro Lupi era quella di rendere possibili le detrazioni anche sugli interventi per i mobili necessari, come la cucina per le giovani coppie. E già Federlegno Arredo, alla fine del 2012, aveva chiesto che nella Legge di Stabilità del Governo Monti venisse inserita anche la detrazione 50% per il settore del legno arredo (leggi Il settore legno arredo è in ginocchio: nella Legge di Stabilità, detrazione 50% anche per lui?)
I segnali incoraggianti per una risoluzione positiva della questione, che si è protratta nei giorni scorsi con un rincorrersi di dichiarazioni e smentite da parte degli esponenti del Governo (dal Ministro Lupi al vice ministro Fassina), c’erano tutti. L’ultimo, in ordine di tempo, le parole dello stesso Premier Letta in visita nelle zone dell’Emilia colpite l’anno scorso dal terremoto.

 

Ricordiamo che, per quanto riguarda la detrazione 50%, la sua proroga significa avere ancora la possibilità di portare in detrazione, in 10 rate annuali, una spesa massima di 96.000 euro per interventi di ristrutturazione edilizia.


Il nodo della copertura finanziaria mancante non è stato smentito: stando alle parole di Fassina (viceministro dell’Economia), per il 2013 il problema non esiste.

 

 

Se non vuoi solo leggere tutte le news di Architetti.com ma anche usufruire di alcuni vantaggi, come scaricare la rivista e l’e-zine, iscriviti al sito, è gratis.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico