Progetto FDV 2011/15. Fiera di Vicenza cambia pelle

Padiglioni rinnovati e architetture inedite per sorprendere il visitatore. Al via il progetto di rinnovamento dei padiglioni e di costruzione di un nuovo parcheggio multipiano e di una “Design Hall”, un grande atrio con spazi verdi che diventerà cuore pulsante della Fiera, concepito come piazza aperta e destinato a diventare parte integrante della città.

 

Uno dei punti cardine del progetto FDV sarà il nuovo assetto infrastrutturale che prenderà forma gra¬dualmente da qui al 2015. Un progetto che coinvolge tutte le architetture espositive e che per complessità e ampiezza non potrà che tradursi in realtà per step successivi. La visione di fondo prevede una Fiera come parte integrante della città, come spazio necessariamente decentrato ma legato al tessuto urbano, e proprio per questo candidato a farsi esso stesso centro d’attrazione, legando il proprio territorio alla dimensione internazionale dei mercati di riferimento.

 

Leitmotiv dell’intervento architetturale, che da qui al 2015 coinvolgerà tutto il quartiere fieristico, sarà la leggibilità, la facilità di fruizione e la capacità di relazionarsi con la città. Al tempo stesso, tuttavia, il progetto offrirà un’esperienza fieristica calata nel contemporaneo e nel globale. Nelle parole dell’architetto Flavio Albanese, al cui Studio ASA è stato commissionato il progetto insieme allo Studio Altieri e a Studio One Works dal raggruppamento MALTAURO SPA, il nuovo polo espositivo sarà in grado di sorprendere e accogliere il visitatore.

 

La Fiera non è un luogo diverso dalla città, al contrario è parte integrante della città”, afferma Flavio Albanese. ”Fiera di Vicenza vuole legarsi alla città e al mondo intero; rappresenta una realtà  locale, ma al contempo una realtà  planetaria e a questo si lega il progetto: è un progetto che radica nel territorio, ma che si situa come interlocutore del globo intero”.

 

Intervista all’architetto Flavio Albanese

 

Prima realizzazione concreta di questo progetto sarà la costruzione prevista entro il 2013 di un padiglione completamente nuovo che andrà a coprire l’area Ex Motel Agip, in prossimità dell’ingresso principale e del Centro Congressi di Fiera di Vicenza ai quali sarà collegato: una struttura monoplanare di oltre 15.000 mq ad una sola campata, completamente libera da pilastri o strutture interne, che ambisce ad essere il cuore pulsante della nuova Fiera. Accanto ad esso, per facilitare una mobilità quasi sempre legata all’as¬setto viabilistico, sorgerà un grande parcheggio multipiano, dove si ritrova la stessa qualità formale e la stessa capacità di sorprendere il visitatore per estetica e funzione.

 

I progetti preliminari prevedono che il visitatore, nell’accedere alla Fiera, trovi un grande atrio funzionale, a servizio sia del quartiere fieristico che del centro congressi, che andrà ad inserirsi ove ora sorge l’Ingresso Ovest, principale accesso al quartiere. All’interno di questo atrio aperto potranno na¬scere spazi verdi destinati a diventare serre per alberi. Ma anche la struttura stessa sembra guardare alla natura, grazie alla serie di pilastri vegetomorfi che sostegno un tetto leggero collocato a 15 metri d’altezza.

 

Sotto questo volume, uno spazio aperto, una piazza cittadina dedicata agli incontri, alle informazioni e ai servizi di Fiera di Vicenza, in grado di mettere in relazione i diversi padiglioni, il nuovo spazio espositivo e il centro congressi.

 

Nell’immagine di apertura, vista dell’Ingresso Ovest del Nuovo Padiglione (visualizza l’immagine intera)

 

Altre immagini del progetto

– Vista interno del Nuovo Padiglione

– Pianta e sezioni del Nuovo Padiglione

– Sezione prospettica del Nuovo Padiglione

– Vista del parcheggio multipiano

 

Per informazioni: www.fdvproject.it

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico