Progettazione verde pubblico, Parco Centrale di Prato: spazio contemporaneo nella città storica

Il Comune di Prato lancia un concorso internazionale a procedura ristretta per la progettazione verde pubblico di un parco di tre ettari nel cuore della città. La giuria, presieduta da Bernard Tschumi, sceglierà, tra dieci concorrenti finalisti, un vincitore a cui affidare il progetto definitivo ed esecutivo. Il Comune mette a disposizione un montepremi di 157mila euro con un primo premio di 40mila euro e rimborsi da 13mila euro per i dieci gruppi finalisti.

Entro la fine di febbraio la giuria, della quale fanno parte Bernard Tschumi, Michelle Provoost, Sébastien Marot, Roberto Zancan e Francesco Procopio, selezionerà i dieci architetti che verranno invitati a partecipare al concorso di progettazione; ognuno dei finalisti riceverà un rimborso di 13mila euro. Entro la fine di giugno 2016 sarà annunciato il vincitore al quale verrà dato un premio di 40mila euro e affidato l’incarico della redazione del progetto definitivo ed esecutivo per il nuovo Parco Centrale di Prato.

Oggetto del concorso è la realizzazione di un nuovo grande parco urbano di circa tre ettari, posto all’interno del perimetro delle mura cittadine dove sorgeva il vecchio ospedale cittadino. Il nuovo parco interpreta la necessità di uno spazio contemporaneo a servizio della città storica. Un nuovo grande luogo pubblico, che dovrà divenire attrattivo a livello di area metropolitana e per flussi del turismo culturale internazionale, grazie alle funzioni in esso contenute e grazie alla qualità e innovazione nel trattamento delle aree verdi, alla presenza dell’arte e di architetture dalla forte connotazione contemporanea: un nuovo luogo dell’oggi inserito all’interno di un contesto storico e prezioso, in grado di veicolare l’immagine di Prato come la città della contemporaneità della Toscana.

La trasformazione dell’area dell’ex Ospedale Misericordia e Dolce rappresenta uno degli obiettivi strategici principali nei quali il Comune di Prato è attualmente impegnato – scrive l’assessore all’urbanistica Valerio Barberis. Prato è una città vibrante, contraddittoria, innovativa, conflittuale: una città che, dall’inizio del XX secolo e in particolare dal secondo dopoguerra, rappresenta un formidabile laboratorio urbano, sociale, culturale ed economico nel quale si sono spesso sperimentati nuovi modelli.

Il progetto del nuovo parco di tre ettari prevede due lotti funzionali. Il primo comprende la completa realizzazione delle aree verdi e quindi del parco, oltre a un volume della superficie minima di 500 metri quadrati che contenga, tra le altre cose, i servizi essenziali al parco stesso. Il secondo lotto funzionale prevede la realizzazione degli altri fabbricati, fino a un massimo di 3.000 metri quadrati.

Scarica l’estratto del bando di concorso

La realizzazione del parco urbano nell’area ex ospedale costituisce per la città un avvenimento assolutamente eccezionale e irripetibile. Il nuovo parco urbano dovrà innanzitutto riuscire a modificare la visione e la percezione non solo del nuovo luogo che sarà realizzato, ma soprattutto delle zone del centro limitrofe a questo, conferendo la consapevolezza che una nuova parte della città dentro le mura è stata creata. Non una zona chiusa da muri e cancelli, ma un’area prevalentemente aperta, in grado di diventare un fulcro di vitalità del centro e della città fuori le mura.

Per ulteriori informazioni
www.ilparcocentralediprato.it

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico