Progettazione urbana sostenibile, Organic City di Luca Curci Architects

Organic Cities è il progetto concepito dallo studio di architettura Luca Curci Architects basandosi sulle peculiarità delle città “organiche”, che mira ad ergersi come punto focale dello skyline degli Emirati Arabi. Una serie di nuovi “aggregati organici” si configurano come veri e propri complessi urbani costituiti da zone residenziali, distretti economici, negozi, aree benessere e siti culturali, al fine di creare aggregazioni di edifici-città dove sarà possibile lavorare, incontrarsi, creare cultura e vivere.
Il progetto costituisce una riflessione e sintesi sulle tematiche della progettazione ambientale e della sostenibilità in architettura.

 

Il complesso costruttivo si articola in due tipologie di edifici: i “palazzi organici” sulla terra ferma, lungo la costa, caratterizzati da forme organiche e futuristiche, e le “lune” sul mare, suddivise in tre tipologie: le più piccole sono concepite come residenze con accesso alle spiagge e zona di atterraggio privati, le strutture a luna di media dimensione ospitano hotel raggiungibili via terra, mare e aria, mentre le lune più grandi sono costituite da hotel, residence e abitazioni private.
Entrambi i gruppi di edifici sono connessi e uniti fra loro da una rete infrastrutturale costituita da strade, parchi, piste ciclabili e pedonali.

 

I “palazzi organici”, considerati evoluzione delle metropoli contemporanee, hanno una forma concepita per integrarsi perfettamente al paesaggio e alle condizioni ambientali del deserto, e sono stati ideati prendendo spunto dalle forme che in natura abitano e sono in grado di sopravvivere in quelle determinate condizioni ambientali. Spazi urbani comuni e di aggregazione abbattono il potere alienante delle metropoli del XX e XXI secolo, valorizzando i rapporti sociali.

 

Il masterplan è stato concepito per essere adattivo e soggetto ad evoluzioni, a seconda dell’area che ospiterà il progetto. I primi cinque edifici organici e cinque lune dispongono di tutti i servizi necessari in una città contemporanea, focalizzando l’attenzione sugli aspetti sociali, alle connessioni umane e alle aree comuni in cui incontrarsi.
L’intera area calpestabile dei palazzi potrà ospitare più di 150.000 abitanti, con il 50% degli spazi dedicato alle aree verdi e di incontro. Più di 800.000 metri quadrati adibiti a spa, hotel e aree benessere; 6.300.000 metri quadrati di aree shopping, gallerie, musei; 4.500.000 metri quadrati adibiti ad uffici e servizi.
Con un’area coperta di 600.000 metri quadrati, il programma ospiterà residenze, uffici e spazi commerciali e collettivi.

 

Luca Curci (Bari, 1975) è un artista, architetto e designer. Nel 2001 fonda il gruppo artistico International ArtExpo, con all’attivo numerosi eventi di arte contemporanea realizzati in tutto il mondo. Nel 2004 crea It’s Liquid, una piattaforma di comunicazione con oltre 100.000 iscritti, dedicata all’arte, all’architettura e al design. Nel 2006 fonda Luca Curci Architects, la cui attività progettuale è incentrata sul rapporto tra l’uomo e l’ambiente, secondo diverse declinazioni di sostenibilità. Lo studio vanta la realizzazione di numerosi progetti di edifici residenziali, appartamenti privati, ville, ristoranti e attività commerciali.

 

 

SCHEDA PROGETTO

Organic Cities

 

Localizzazione
Emirati Arabi Uniti

 

Progettisti
Luca Curci Architects

 

Collaboratori
architetti Andrea Colangiuli e Nicola Boccadoro
designer Wafa Chawachi

 

Superficie complessiva
15.000.000 mq

 

Progetto
2013

 

Per ulteriori informazioni
www.lucacurci.com

 

Nell’immagine di apertura, Luca Curci Architects, vista del progetto Organic Cities. © Luca Curci Architects

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico