Progettazione urbana sostenibile, Boston Lifeguard

Il progetto “Boston Lifeguard: Infrastruttura paesaggistica di difesa integrata per una città resiliente”, di Andrea Andreotti e Nicola Cataldo, del Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Ferrara, vince la Medaglia d’Oro alla XII edizione del Premio Italiano Architettura Sostenibile, riservato a Tesi di Laurea, Dottorato o Master Post-Laurea. Il progetto, che sviluppa una proposta di strategia paesaggistica per la difesa della linea costiera di Boston, soggetta a rischi ambientali dovuti all’innalzamento del livello delle acque oceaniche, si è aggiudicato la medaglia nella sezione Progettazione Urbana e Paesaggistica Sostenibili.

La strategia individua una serie di interventi per il contenimento dei rischi derivanti dall’innalzamento dei livelli oceanici, proponendo un’ipotesi di riconfigurazione del fronte litorale.

L’innesto di un’infrastruttura di mobilità sostenibile, accompagnata da funzioni a servizio della città, implementa il paesaggio urbano e potenzia il sistema del verde, offrendo servizi ecosistemici e aumentando permeabilità e resilienza della città di Boston.

L’intervento, confrontandosi con i caratteri storici della città, completa il progetto della cintura verde di Olmsted rimasto incompleto. Boston Lifeguard contiene metaforicamente e fisicamente la città rafforzando un sistema paesaggistico non completamente strutturato. La proposta prevede tre soluzioni progettuali declinate in modi differenti lungo l’innesto.

Nella prima area, la “Columbia Road”, viene impiegata la strategia di assorbimento. Una “dryline”, caratterizzata da aiuole e aree verdi, vasche di raccolta per il riciclo dell’acqua piovana e sistemi di fitodepurazione, garantisce maggiore permeabilità e migliora il deflusso delle acque meteoriche in occasione di forti precipitazioni o allagamenti.

La seconda area coincide con la “Dorchester Bay”. Qui la strategia di difesa è fortificazione. Un nuovo argine ridisegna il waterfront alzando la quota di calpestio e permettendo la difesa dal futuro innalzamento del mare. Un percorso realizzato con tecniche costruttive a secco, come si usava un tempo per i pontili, crea un sentiero panoramico che ingloba situazioni esistenti, creando nuovi scenari urbani per attività pubbliche. Il nuovo argine verde offre l’opportunità di implementare la quota zero con attività a servizio della città. Un intervento con un doppio fronte, di difesa e di servizi che può rendere l’infrastruttura un intervento economicamente sostenibile.

Leggi anche Architettura per i Paesi in via di sviluppo: Mtambani shule, Medaglia d’oro nella sezione Architettura e Tecnologie Sostenibili

Nella terza area, “Seaport”, vengono combinate due strategie di difesa. Nelle situazioni urbane fortemente strutturate si opta per la strategia di fortificazione, alzando il margine costiero e garantendo una protezione rigida. La strategia di adattamento invece converte aree dismesse in parchi allagabili in grado di convivere con l’incremento del livello del mare. “Parchi Wetland” con doppia funzionalità sono capaci di coniugare attività leisure a prestazioni ecosistemiche.

Piattaforme flottanti, aree per il relax e il tempo libero sono immersi in una natura mutevole che si adatta ai cambiamenti climatici. Queste aree verdi reagiscono come spugne, attraverso la pulizia e la conservazione delle acque piovane urbane.

Integrata con altri servizi ecosistemici, compresa la protezione degli habitat nativi, l’esperienza estetica di questi scenari promuove lo sviluppo urbano e la qualità della vita.

La Cerimonia di Premiazione avrà luogo il 27 settembre presso il Palazzo Tassoni Estense di Ferrara, occasione per conoscere i lavori dei vincitori e delle menzioni speciali. Anche quest’ultima edizione ha confermato il crescente interesse del pubblico verso l’iniziativa del Premio Italiano Architettura Sostenibile e l’importanza di dare un riconoscimento e uno spazio di confronto ai lavori dei futuri professionisti e ricercatori nel settore, al fine di promuovere una cultura italiana di sostenibilità.

 

SCHEDA PROGETTO
Boston Lifeguard
Infrastruttura paesaggistica di difesa integrata per una città resiliente

Università
Università degli studi di Ferrara

Dipartimento
Dipartimento di Architettura

Studenti
Andrea Andreotti, Nicola Cataldo

Relatori
Luca Emanueli
Tomas Ghisellini

Anno accademico
2014/2015

 

Per ulteriori informazioni
premioarchitettura@unife.it
www.premioarchitettura.it

 

Nell’immagine di apertura, vista del progetto Boston Lifeguard. © Andrea Andreotti, Nicola Cataldo

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico