Progettare l’habitat, in mostra a Milano il movimento a emissioni zero

Inaugura oggi, martedì 26 febbraio, nel nuovo spazio espositivo “MACS Mazda Con-Temporary Space” in via Tortona a Milano, la mostra START. Progettare l’habitat – Terzo movimento all’interno dell’evento Il movimento delle arti, prodotto da Mazda, a cura di Fortunato D’Amico e Barbara Carbone.
La mostra presenta al pubblico i progetti di due architetti e designer, Giulio Ceppi e Massimo Facchinetti, che offrono risposte reali alle richieste della società dando forma e corpo a idee e a soluzioni scaturite dalle ricerche multidisciplinari, realizzate anche con professionisti e studiosi, tramite le attività di problem solving.

 

L’esposizione dei lavori di Giulio Ceppi e Massimo Facchinetti declina il moto in tutte le possibili direzioni dell’itinerario progettuale e produttivo. Entrambi i designer stabiliscono condizioni intorno alle quali senza il movimento non è possibile comunicare la presenza umana nell’universo antropizzato. Una revisione delle modalità di organizzazione delle strutture e dei mezzi di trasporto che coinvolge tutti, dai produttori ai petrolieri, dagli amministratori ai designer, ai cittadini.


Giulio Ceppi volge la sua attenzione alla progettazione e alla realizzazione di strutture orientate al risparmio energetico e alla riduzione dell’impatto ambientale attraverso progetti come Km Zero Road, il Parcheggio di Bormio, l’Autogrill di Villoresi Est, Il Parco Eolico delle Canarie, che mirano ad adattarsi alle esigenze dell’uomo e allo stesso tempo ad armonizzarsi con l’ambiente circostante sia da un punto di vista formale sia cromatico.
Massimo Facchinetti
si concentra maggiormente su progetti che riguardano il movimento quotidiano, nel totale rispetto dell’ambiente, orientandosi all’utilizzo di materiali riciclabili e all’impiego di tecnologie volte all’eliminazione degli sprechi e al risparmio energetico. Ne sono esempio la bicicletta con pedalata assistita e i mezzi di trasporto di imponenti dimensioni quali la Bisarca, il Gommone e lo yatch Origami, tutti rigorosamente a emissioni zero.


Scarica il flyer dell’evento

 

Attraverso l’evento Il movimento delle arti – che comprende cinque mostre – artisti contemporanei internazionali si esprimono su questo tema attraverso opere d’arte, pittura, scultura, installazioni, design, architettura e performance, comparando le diverse forme artistiche ai nostri giorni.
A gennaio si è tenuta la mostra fotografica Primo movimento – Rosso Messori. Il movimento e l’apparenza di Rosetta Messori e Roberto Rosso; la mostra dei progettisti Piero Fogliati e Leonardo Mosso, Secondo Movimento – Eureka! L’invenzione e il modello, si è conclusa il 22 febbraio. Dopo la mostra degli architetti e designer Giulio Ceppi e Massimo Facchinetti, Terzo movimento – START. Progettare l’habitat , che si concluderà il 9 marzo, seguiranno:


13 marzo – 4 aprile | Quarto movimento – Be on the move. Comunicare il movimento del corpo e della mente
Silvia Rastelli e Laura Zeni, artisti; Lorenza Daverio e Norman Douglas Pensa, foto; Daniele Pignatelli, filmaker.


9-15 aprile | Giuliana Cuneaz
in occasione del Fuori Salone del Mobile espone una personale con video-installazioni inedite sul tema del movimento.


MACS Mazda Con-Temporary Space è il nuovo spazio aperto nel gennaio 2013, voluto da Mazda Motor Italia, da tempo attenta alla cultura, e realizzato da Alessandro Luzzi Workshop. MACS Mazda Con-Temporary Space sostiene l’innovazione e l’integrazione tra cultura e mondo industriale oltre a promuovere l’incontro e il confronto nell’arte contemporanea.


SCHEDA EVENTO
Il movimento delle arti
START. Progettare l’habitat – Terzo movimento
Progetti di Giulio Ceppi e Massimo Facchinetti
a cura di Fortunato D’Amico e Barbara Carbone


Luogo
MACS Mazda Con-Temporary Space
Via Tortona, 9 – Milano


Inaugurazione
martedì 26 febbraio | ore 18.30


Periodo mostra
27 febbraio – 9 marzo 2013


Orari
martedì – sabato | ore 15.30-19.30
chiuso domenica e lunedì
ingresso libero


Per ulteriori Informazioni
Chiara Crosti
E-mail: eventimacs@gmail.com
www.mazdamacs.it

 

Nell’immagine di apertura, Giulio Ceppi, architettura e segnaletica ambientale del Parking Bormio (Bormio, 2005) con Paolo Bodega

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico