Premio IQU 9, Roma: Two Sides

Realizzazioni Architettura –  Roma: Two Sides
Referente progetto: COdESIGN

 

Scarica la scheda del progetto

 

Il progetto è stato realizzato nell’ambito del Piano di Recupero Urbano per Corviale. La dicotomia dei due prospetti principali si confronta con due tipologie urbane moderne antitetiche, la palazzina romana dagli ampi balconi e l’intensivo compatto ultimo margine della periferia.

 

L’edificio è stato realizzato nell’ambito dei Piani di Recupero Urbano per Roma, in particolare nell’area di Corviale.

 

E’ un edificio residenziale a tipologia mista: in linea ad i piani inferiori, duplex agli ultimi due livelli. L’edificio residenziale ospita 35 appartamenti di diversi tagli, serviti da due corpi scala. L’idea fondante dell’intervento non è solo di comunicare in differenti modi con le diverse aree urbane dalle quali è circondato ma anche dialogare in maniera dicotomica con esse, in quanto simbolo dei due diversi modelli di espansione urbana moderna (la piccola palazzina e l’intensivo smisurato). Il fronte di ingresso, affacciato verso l’interno della città riproduce e riecheggia i tipici edifici residenziali di Roma, costruiti a partire dagli anni 60, con ampi balconi aggettanti, che circondano anche quest’area; il retro dell’edificio si affaccia verso l’ultimo lembo di periferia rappresentata dal noto edificio del Corviale, lungo un chilometro, progettato negli anni ’70 da un team di architetto guidati da Mario Fiorentino, rivestito da austeri pannelli prefabbricati in cemento.

 

Questo fronte è caratterizzato da una facciata più compatta, che intende confrontarsi con la massa austera dell’intensivo urbano esistente e rappresentare il limite dell’intervento di recupero urbano. Il materiale/colore della facciata ovest (retro) ed il vuoto delle balaustre lungo il fronte est (fronte) sottolineano la dualità non solo dell’edificio, ma anche del contesto urbano. Il fronte si presenta più evanescente e trasparente, grazie alle balaustre bianche in lamiera traforata, il retro appare più volumetrico anche grazie alla sottolineatura del rivestimento ceramico giallo che intende dialogare non convenzionalmente con il rivestimento grigio e cupo del Corviale. Questa superficie colorata e cangiante rende più evidente la fenditura tra il terzo e secondo livello, che non è solo nota volumetrica, ma anche trasformazione tipologica dell’edificio (duplex-linea).

 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico