Premio IQU 9, Cesena: Casa B

Realizzazioni Architettura –  CASA B
Referente progetto: Stefano Piraccini

 

Scarica la scheda del progetto

 

Il sito di intervento è collocato nella pianura centuriata che si estende a est del fiume Savio: un impianto che ha caratterizzato la struttura agraria di questi luoghi già dall’epoca romana. L’impianto ortogonale è tutt’ora ben leggibile nel territorio attraverso una maglia poderale definita dal tessuto stradale e da buona parte di quello catastale e dei principali confini. I campi rettangolari lunghi circa mt 71 e larghi mt. 35,5 “jugerum” disposti secondo il preciso asse nord/sud (Ravenna/Cesena) impostato sulla direttrice del Dismano. Si tratta di un paesaggio agrario di pianura strutturato da numerosi corsi d’acqua, dalla viabilità che segue i meandri dei paleo alvei e da una trama agricola minuta e frammentata che segue il loro andamento. Il contesto urbano è determinato dalla prevalenza di case sparse, nelle quali emerge la tipologia edilizia tradizionale della casa colonica cesenate-riminese, sia nella sua forma storica originale, sia in più o meno recenti tentativi reinterpretativi in larga misura poco significativi.

 

La lettura del territorio e l’analisi delle tipologie edilizie caratterizzanti sono stati la premessa al progetto architettonico che prevede la demolizione di un edificio esistente incongruo e privo di pregio, successivamente convertito in abitazione tramite condono, e la costruzione di un nuovo edificio residenziale composto da due unità abitative. Il percorso di analisi della tipologia edilizia tradizionale e delle sue successive evoluzioni, parte dalla casa rurale cesenate-riminese che nasce per esigenze di carattere agricolo tra 1700 ed il 1800. La tipologia è caratterizzata dall’orientamento sud della facciata principale, protetta da un porticato che si estende sui lati est ed ovest. È organizzata su due livelli: il piano terra veniva impiegato per le attività inerenti la coltivazione del campi, mentre al piano superiore venivano collocati gli spazi abitativi spesso condivisi in nuclei famigliari allargati. I cambiamenti sociopolitici avvenuti nei primi anni 50 del ‘900 portarono ad una regressione delle attività agricole e ad una conseguente evoluzione tipologica della casa rurale trasformando le tradizionali falde inclinate dei portici in terrazzi praticabili per rispondere ai requisiti di una nuova forma dell’abitare.

 

Il progetto del nuovo edificio residenziale rintraccia questo preciso asse evolutivo cercando di rispondere a requisiti contemporanei sia in termini funzionali, di linguaggio
compositivo e di efficienza energetica, senza perdere di vista il punto di partenza. L’edificio si presenta come una addizione tra un volume massivo al piano terra, evidenziato dal rivestimento lapideo, e due volumi intonacati coperti con doppia falda al piano superiore. la stessa composizione volumetrica è riscontrabile nella tipologia tradizionale, specialmente nella sua evoluzione degli anni’50. Il progetto prevede una scomposizione dei volumi con l’intenzione di regolare gli apporti energetici passivi sul fronte sud tramite i corpi in aggetto e di reinterpretare la lettura del reticolo della centuriazione attraverso una disposizione ortogonale lungo gli assi nord-sud, est-ovest, dei volumi posti al piano primo.

 

Questa articolazione morfologica, oltra a richiamare a livello planimetrico il tessuto circostante, consente una forte introspezione degli spazi ed una netta separazione degli affacci delle due unità, requisito funzionale necessario per il comfort abitativo e la tutela della privacy.

 

I portici sono ricavati tramite sottrazioni al volume posto al piano terra: lo stesso avviene nella casa rurale tradizionale, dove il portico presentava ampie porzioni tamponate in muratura caratterizzando le pozioni aperte come volumi sottratti al copro principale. La morfologia fortemente stereotipata dei volumi, oltre a conferire una rilettura contemporanea degli elementi caratterizzanti delle tipologie tradizionali, consente un miglioramento delle prestazioni energetiche del fabbricato eliminando i ponti termici comunemente generati da cornicioni e pensiline. La stessa attenzione è stata apportata elaborando un progetto esecutivo dettagliato in modo da verificare la completa continuità dell’isolante per tutto l’involucro edilizio.

 

I materiali utilizzati riguardano in parte quelli della tradizione, come l’intonaco a grassello di calce, gli infissi in legno, il rivestimento lapideo, in parte materiali dell’innovazione come manto di copertura, sistemi frangisole ed elementi oscuranti in acciaio, coibentato all’interno, atti a garantire una maggiore durabilità e minori consumi energetici. Relazione sull’opera già realizzata (2.500 battute) versione ridotta in lingua inglese che tenga conto del contesto dell’intervento, delle motivazioni del progetto, degli obiettivi di massima e dei destinatari).

 

 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico