Premio IQU 8, Casa KAEU

Realizzazioni Architettura – Casa KAEU
Interurbane Architetture

 

Scarica la scheda progetto

 

Un’area di circa quattromila metri quadrati posta ai margini della grande arteria stradale di ingresso alla città di Catanzaro, lungo la quale, nel corso degli anni, si è individuata una delle ultime zone di espansione della città, crea il presupposto per questo nuovo insediamento. L’area, densamente edificata con costruzioni di tipo intensivo – edifici in linea – ha lasciato spazio a piccole aree che il piano attuale ha destinato a completamento di bassa intensità.

 

L’area ha una orografia leggermente inclinata in direzione nord e presenta una apertura completa ad ovest (affaccio sulla vallata del “Sansinato”) ed una chiusura completa ad est (edifici a sei piani).

 

La disposizione di una schiera lungo l’asse nord/sud è risultato certamente il miglior compromesso tra dislocazione funzionale e comfort ambientale. Tale disposizione garantiva a tutte le unità abitative un’assoluta privacy ed un’ottimale esposizione anche di affaccio.

 

La particolare posizione dell’area – posta a ridosso del grande edificato – ha dettato le indicazioni circa la forma e la tecnologia da utilizzare. Il problema dell’introspezione degli alti edifici, infatti, è stato ovviato mediante la semplice inclinazione delle facciate prospettanti e l’introduzione di schermature filtranti mobili.

 

La soluzione finale ha consentito di ottenere i maggiori benefici in termini di risparmio del territorio, risparmio energetico ed ottimizzazione degli spazi a servizio (pubblici).

 

Il nuovo insediamento si caratterizzerà, pertanto, per avere degli spazi privati e degli spazi pubblici divisi dall’unità abitativa stessa. L’ingresso all’insediamento avviene per mezzo di una strada interna; dalla stessa strada si accede alle abitazioni per mezzo del piano interrato adibito a garage o per mezzo di un percorso/ballatoio che collega tutte le abitazioni al livello del piano terra raggiungibile mediante delle scale esterne ed anche attraverso un percorso completamente accessibile dal parco.

 

Tutte le unità delle mini schiere sono unite dal lato longitudinale e presentano uno sfalsamento altimetrico di 30 cm per adattarsi all’orografia dell’area.

 

Le unità abitative presentano una distribuzione su quattro livelli collegati per mezzo di una scala interna.

 

L’unità è caratterizzata dalla grande permeabilità tra spazi esterni e spazi esterni. Le ampie vetrate, sui fronti ovest ed est, estendono la percezione dello sguardo oltre il limite esterno dell’abitazione consentendo di godere di spazi esterni in continuità con la stessa.

 

Tutta l’unità offre questa dualità di rapporti tra interno ed esterno, indirizzando le scelte progettuali verso un interpretazione di integrazione intima tra costruito e natura.

 

Ampi spazi a verde nella parte posteriore, orientati ad un miglior grado di socializzazione, si contrappongono a quelli nella parte anteriore più intimi, rendendo una perfetta integrazione tra il costruito e la natura capace di mitigare il rapporto con il denso costruito al contorno del fondo.

 

Per riassumere, dunque, un involucro edilizio che gioca con la luce – blocca, filtra, riceve e riflette la luce solare – ed i rapporti esterni /interni.

 

Le peculiarità del progetto si traducono in alta trasformabilità, minima azione – in termini di presenza fisica sul territorio -, alta riciclabilità, massima duttilità di impiego, adeguate capacità all’accoglimento di sotto-servizi, ridotti spessori.

 

L’adozione dell’acciaio per le strutture ha consentito l’utilizzo di grandi luci, ridotti spessori, elevata resistenza sismica e duttilità di impiego per le canalizzazioni impianti. Gli elementi verticali, costituiti da profili ad “H”, quelli orizzontali, da semplici profili a “C” accoppiati, consentono l’individuazione di carter orizzontali e verticali per le infrastrutture dell’abitazione.

 

Dei due telai esterni, quello rivolto ad est – lato parco pubblico – avrà un inclinazione di 5°C verso l’esterno, al fine di garantire una migliore protezione all’introspezione degli alti edifici prospettanti.

 

In particolare, l’abitazione è stata pensata come un luogo di benessere, nel quale, l’utilizzo razionale dell’energia ed il recupero, mediante l’ausilio anche di tecnologie passive, sono stati capisaldi sin dalla fase preliminare.

 

Progettare in termini di ricerca del comfort abitativo a basso costo energetico ha significato considerare l’involucro abitativo con capacità di riduzione delle perdite di calore grazie ad un buon isolamento termico, ad un efficiente impiantistica ed all’utilizzo passivo dell’energia solare.

 

Nella redazione del presente progetto si è preso come riferimento guida il programma “Casa Clima” adottato dalla provincia autonoma di Bolzano. In funzione della fase progettuale raggiunta è possibile considerare il raggiungimento di un indice termico di circa 50 kWh/m2a. Questo risultato consente di risparmiare, sui consumi medi delle attuali abitazioni, fino a due terzi dell’energia utilizzata.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico