Premio IQU 2016 – CASA P+F

Sezione: Architettura Realizzazioni

Progettista: Arch. Margherita Mattiussi

Il progetto ri-declina con linguaggio contemporaneo tre temi dell’architettura friulana: la corte, il recinto, il filtro, inscrivendosi all’interno di un contesto. Lo sguardo sulla Sostenibilità è globale: energetica, ambientale, sociale e culturale.

Un progetto sostenibile non è caratterizzato dalla sola efficienza energetica né è una ricetta applicabile ex-post. È piuttosto un approccio ex-ante, che abbraccia riflessioni di tipo energetico, ambientale, culturale e sociale, inscrivendosi all’interno di un contesto e ottimizzando le scelte rispetto al luogo e alle esigenze di chi lo abiterà.
La ricerca del legame culturale col luogo è il motore del progetto. Ciò non significa copiare il passato, ma reinterpretare con linguaggio nuovo una logica architettonica locale della tradizione. Tre sono i temi principali rideclinati: La corte, unità fondamentale edilizia friulana, tipicamente racchiusa a Nord ed Est da un corpo edilizio ad “L”. Questo si apre verso la corte sfruttando il sole e si chiude verso l’esterno. L’ingresso avviene da Nord tramite un androne. Oltre la corte, delimitata da un muro invalicabile, si aprono gli orti e la campagna. L’impostazione del progetto riprende questa chiara gerarchia e scansione spaziale. Il recinto, che racchiude la corte e identifica i diversi livelli degli spazi pubblici e privati, esterni ed interni, aperti e chiusi. Il filtro, che orna le grandi aperture forate dei fienili del passato per l’aerazione del fieno, oggi reinterpretato da grate metalliche a filo muro a protezione dalla vista, con il tipico disegno a triangoli delle pianelle.

A fianco alle riflessioni sui caratteri tipologici del luogo, il progetto è stato sviluppato ex-ante anche nelle strategie sostenibili dal punto di vista ambientale ed energetico.
Bioclimatica: Orientamento, forma dell’edificio e distribuzione dei locali sono pensati per massimizzare il guadagno solare gratuito a Sud e minimizzare le dispersioni a Nord. La disposizione a L è fondamentale nell’adattamento alle condizioni bioclimatiche del luogo e ai percorsi solari. Particolare attenzione è stata posta al controllo del soleggiamento sui fronti più caldi, attraverso schermature fisse o regolabili. Al piano primo a Sud e Ovest le strombature modulano l’ingresso della luce. Le aperture creano in regime estivo una ventilazione naturale passante verticale nord/sud, con motore il vento e con camino il corpo scala. Allo stesso modo i venti prevalenti, provenienti da Nord-Est, vengono schermati nel cortile dall’edificio stesso ad L e sulla terrazza da due alti muri.
Involucro, materiali e sistemi costruttivi: prima di pensare alla collocazione di impianti efficienti, sono state massimizzate le prestazioni dell’involucro. Il sistema costruttivo è in legno lamellare a strati incrociati, sistema “a secco”, facilmente modificabile pensando all’edificio nell’intero ciclo di vita. I pannelli sono giunti in cantiere pre-assemblati e con predisposizione per gli impianti, abbattendo costi e tempi. Poiché tetti e terrazze sono un punto di dispersione del calore, la terrazza è un giardino pensile, il quale ha la capacità di isolare d’inverno, mitigare la temperatura in estate, permettere un migliore deflusso delle acque dalle coperture e infine recuperare in parte la capacità biotica di un terreno precedentemente a verde. I materiali sono stati scelti nell’ottica ecologica: legno, fibra di legno, cellulosa insufflata costituta da materiale da riciclaggio.

Risorse rinnovabili e impiantistica: l’abitazione, indipendente da sistemi a combustione di gas, è dotata di impianto fotovoltaico da 6 kW per la produzione di energia elettrica. Una pompa di calore aria-acqua riscalda l’abitazione attraverso un impianto a pavimento. Le acque piovane sono recuperate in un serbatoio interrato per il riutilizzo a scopo irriguo e negli sciacquoni dei wc. Gli apparecchi di illuminazione sono a led, alcuni con dimmer per regolare l’intensità luminosa. L’abitazione è dotata anche di impianto di ricambio aria con scambiatore di calore al alta efficienza.
Adattabilità: fin da subito l’abitazione è stata pensata per garantire la fruizione futura anche in differenti condizioni fisiche. Sono stati evitati i gradini delle soglie, scegliendo soglie ribassate o incassando i profili di scorrimento dei serramenti per creare planarità tra pavimentazione interna ed esterna. All’interno dell’abitazione una porzione di pavimento ai due piani è mantenuta libera dallo scorrimento impianti per poter in futuro inserire una piattaforma elevatrice. Gli interruttori sono collocati ad altezza maggiormente accessibile anche da posizione seduta o con difficoltà motoria alle braccia. Arredi facenti parte integrante dell’architettura e spazi ampi garantiscono a tutti i possibili fruitori libertà di movimento senza successive trasformazioni.

L’aspetto finale del manufatto non è quindi un insieme di mere valutazioni estetiche, bensì le scelte formali sono frutto di una integrazione di riflessioni progettuali fatte di esigenze personali presenti e future, contesto locale, opportunità date da tecnologie e materiali a disposizione. Il tutto in una unità di tipologia-tecnologia-contesto unica, progettata ad hoc e non collocabile atopicamente.
L’approccio globale alla Sostenibilità anche su piccola scala, che trae dal contesto e dalla tradizione gli spunti per una nuova architettura, che guarda alle esigenze non solo presenti della persona, che si lascia ispirare da nuove tecnologie costruttive e trova in esse la ragione della propria espressione.

Scarica tutta la scheda del progetto.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico