Premio IQU 2016, C.A.R.A Corbola: Casa di accoglienza e residenza assistita

Sezione: Riqualificazione Progettazioni
Progettista: Alessandro Bellini

Una nuova casa di accoglienza e residenza assistita, un’occasione per riordinare le aree esterne della Casa di Riposo adiacente e recuperare una porzione di una residenza popolare di proprietà comunale.

Il progetto per una casa di accoglienza e residenza assistita si inserisce all’interno dell’area della casa di riposo come occasione di riordino dell’esistente andando a creare ambiti, relazioni e significati. Il nuovo corpo chiude la C formata dalla casa di riposo e l’adiacente schiera dotando la casa di un cortile per la deambulazione e il tempo libero ad oggi mancante.

La nuova residenza si inserisce con un volume semplice, a riprendere la semplicità dell’edilizia rurale del luogo e dei materiali/tecniche della zona. I materiali sono dei più tradizionali, laterizio e intonaco, al fine di ricercare economie grazie a costruttori locali. Il nuovo volume si innesta sull’ultima delle schiere di proprietà comunale, evitando tuttavia un’unità formale. Con una concatenazione di compenetrazioni si risolvono i passaggi e si segnalano i diversi programmi funzionali. Il piano terra ospita le 3 residenze assistite con accesso privato.

In testa agli alloggi una piccola hall a doppia altezza funge da cerniera tra le camere per mamme con bambino e la zona comune. La zona comune è pensata nel vecchio corpo di fabbrica. Nella vecchia schiera trovano anche spazio gli uffici e una zona spogliatoi che hanno la possibilità di un accesso indipendente per il personale di servizio.

Parte del processo per il recupero dell’esistente è stato pensato per essere svolto in autocostruzione tramite workshop con la comunità, studenti e giovani professionisti. L’edificio tramite l’integrazione di pannelli solari e il recupero delle acque meteoriche cercherà di essere autosufficiente da un punto di vista energetico.

 

Scarica la scheda del progetto

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico