Premio IQU 2016, Brescia Agri-Cultural City

Sezione: Rigenerazione Progettazioni
Progettista: Alessandro Bellini

Una strategia per il recupero delle aree abbandonate della città e una messa a sistema con le aree verdi e agricole esistenti. Data la crisi della piccola e media industria che ha colpito l’Italia, e più in generale la recente crisi economica, dobbiamo pensare a nuovi modelli. Brescia 3.0 vuole trasformare gli scarti della città in risorse.

Estrapolando da Brescia il tessuto urbano emerge già un sistema continuo formato da tessuto produttivo e agricolo che tiene assieme, quasi come un liquido amniotico, le parti residenziali. Come nel problema figura-sfondo dipende da cosa si guarda e dove ricade l’interesse dell’osservatore.

La finalità è quindi quella di mappare le aree vacanti: vuoti urbani, edifici produttivi vacanti, mettendoli a sistema ai parchi, e alle aree agricole esistenti e, tramite interventi di micro e macro scala, creare un nuovo connettivo urbano per una nuova idea e immagine di città: Brescia agri-cultural city.

Scenari possibili
Non vi è un masterplan pensato a priori, ma una lista di scenari e possibilità coerenti con l’idea dell’AGRI-CULTURAL CITY, capaci di essere elemento di indirizzo ma soprattutto di lasciare aperte possibilità, per una progettazione performativa basata sulla condivisione comunitaria di bisogni e desideri.

Soggetti coinvolti
Brescia 3.0 si pone quindi sia come riferimento per i vari portatori di interesse sia come catalizzatore di queste energie, al fine di favorire la creazione dell’AGRI-CULTURAL CITY. La convinzione è che vi siano interessi convergenti i quali, tramite un coinvolgimento degli attori in campo, possano creare meccanismi solidali di attuazione.

 

Sviluppi e risultati attesi
Questo processo di cambiamento sarà graduale, un’azione virale basata oltre che sui processi di trasformazione anche sulla diffusione e condivisione di una cultura alla partecipazione al fine di:

Bonificare i siti inquinati, incentivare la produzione di energie rinnovabili, creare sistemi di raccolta e depurazione delle acque, rimboschire aree e creare corridoi ecologici per aumentare la biodiversità e ridurre i livelli di inquinamento;
Favorire la produzione di cibo di qualità facilitandone il reperimento da parte degli abitanti e generando nuove microeconomie legate alla vendita e alla ristorazione;
Ripensare il tessuto industriale, valutando nuove forme di impresa e start-up più compatibili con la città;
Ideare eventi e spazi per la cultura, quali laboratori cittadini di buone pratiche affinché diventino patrimonio degli abitanti della città.

Di fronte alla crisi che sta investendo il capitale e ai recenti scandali, creare economie che generino utilità collettive e imprese maggiormente legate all’ambiente e al sociale potrebbe essere l’unica via d’uscita possibile. Tale sforzo deve coinvolgere tutti, per un ritorno non nostalgico, ma di valori e intenzioni, dalla città alla polis.

Brescia potrebbe così diventare una città “modello” e promuoversi già a partire da questo Expo: AGRICULTURAL-CITY è infatti una strategia applicabile anche in altre aree urbane caratterizzate da un diffuso tessuto produttivo in declino.

Scarica la scheda del progetto

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico