Premio IQU 10, Parma: Cuore Verde

Architettura – progettazioni – per la categoria Architettura e Città opere progettate
Progettista: FRIGERIO DESIGN GROUP – Arch. Enrico Frigerio
Scarica la scheda del progetto 

 

Massima superficie verde e minima impronta degli edifici per l’ampliamento del Centro Direzionale Cavagnari; il cuore verde. Un intervento sostenibile energeticamente, socialmente ed economicamente, espressione di una nuova coscienza imprenditoriale ed ambientale. Vincitore del premio TROPHEE HORIZON 2013 INNOVATION DURABLE.

 

Un intervento urbano a basso impatto ambientale ed energetico, per il progetto di ampliamento del Centro Direzionale Cavagnari della Banca Cariparma. Un grande parco; il cuore verde.
Gli edifici sono bioclimatici con l’applicazione della strategia energetica “minimo, semplice e verde”.
I nuovi volumi, generati dalle geometrie dell’insediamento originario, sono disposti sul perimetro dell’area per difendere e lasciare libero al centro un grande spazio verde; verde non solo utilizzato per la sua valenza paesaggistica e ambientale, ma generatore di microclima estivo.

 

Il complesso si articola in due volumi gli Ecouffici, collegati tra di loro e distribuiti attraverso un Forum con funzione di reception, ristoro e punto di incontro. Il Forum è ipogeo, sotto una collina verde, mentre i parcheggi e gli impianti sono interrati, il tutto per avere la massima superficie da destinare a parco. Ogni edificio è pensato per essere in futuro indipendente sotto il profilo impiantistico e come ingresso direttamente dal fronte strada. Le scelte costruttive sono in relazione alle condizioni climatiche locali, per massimizzare l’efficienza energetica, ridurre le manutenzioni con particolari e materiali durevoli e riciclabili.
Volumi compatti per ridurre le dispersioni, esposti sull’asse eliotermico nord-sud per massimizzare gli apporti solari passivi. Le facciate a sud sono integralmente vetrate e protette da un frangisole modulare, mentre le facciate a nord presentano finestrature ridotte e murature perimetrali ad alta coibentazione rifinite con coppelle di cotto. L’articolazione delle vetrature delle facciate proietta gli ambienti di lavoro verso l’esterno mettendoli in relazione con il verde e il parco.
La copertura è piana con una parte realizzata a falda unica, rivestita con pannelli fotovoltaici, orientata a sud per captare al meglio i raggi solari e trasformarli in energia elettrica.
La tipologia di edificio per uffici proposta si sviluppa con una pianta lineare avente una manica di 20m, per ridurre gli spazi di distribuzione ed i percorsi, a favore delle superfici operative. In linea generale sul lato sud sono previsti gli uffici open space, sul lato nord gli uffici chiusi e nella fascia centrale uno spazio vuoto a doppia, tripla e quadrupla altezza, con dei giardini interni e degli specchi d’acqua, per favorire le ventilazioni naturali nelle mezze stagioni. Sempre nella fascia centrale si trovano i sistemi di risalita, le sale riunioni e i servizi vari.

 

Un’architettura che nasce dal contesto, con un carattere e una personalità, espressione di una città, di una società e una storia: un intervento dalla minima impronta ecologica, ragionevole socialmente ed economicamente, espressione di una nuova coscienza imprenditoriale ed ambientale.

 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico