Premio IQU 10, Brescia: Segni sull’Acqua

Recupero – progetti, per la categoria Rigenerazione e recupero urbano opere progettate
Arch. Stefano Staro, Arch. Cristina Imbrò, Arch. Guido Granello
Scarica la scheda 

 

Progettazione partecipata per definire il nascente Parco delle Cave di Brescia. Obiettivo coinvolgere amministratori, cittadini e stakeholder per definire il perimetro del futuro parco, la rete dei percorsi, e il progetto di un’area di cava.
Nella zona sud del Comune di Brescia, da secoli interessata dall’estrazione di sabbia e ghiaia, si sono formati 7 laghi di cava principali e altri 12 minori.
Il territorio tipicamente di frangia peri urbana presenta zone di degrado non solo paesaggistico, ma anche ambientale, per la presenza di numerose fonti inquinanti (discariche e stoccaggio di materiali pericolosi), unità produttive e infrastrutture di traffico.
Per oltre vent’anni si sono succeduti progetti e piani di recupero che non hanno avuto seguito.
Nel 2014, anche su sollecitazione di gruppi e associazioni ambientaliste, l’Amministrazione Comunale ha deciso, attraverso una progettazione partecipata di elaborare un piano che definisse:
– il perimetro del futuro “parco delle cave”
– il sistema degli accessi e dei percorsi interni al parco
– il recupero di un lago di cava, che per effetto di un convenzionamento con il proprietario entrerà per primo nelle disponibilità comunali.
Al percorso partecipato, condotto nell’Urban center del Comune di Brescia, dallo studio Imbrò e Staro associati (architetti Cristina Imbrò, Stefano Staro con la collaborazione dell’architetto Guido Granello), con il coinvolgimento dei tecnici e dei settori urbanistica, ambiente cave e parchi territoriali e mobilità del Comune , hanno aderito 32 tra enti e associazioni della città e hanno partecipato (almeno ad uno degli eventi programmati) 242 persone, con una media di 45 partecipanti ad incontro.
Il percorso si è sviluppato con due sopralluoghi guidati, un seminario formativo/informativo, due incontri di laboratorio di analisi, cinque incontri di laboratorio di progettazione.
Nei laboratori di analisi i partecipanti hanno potuto individuare le principali criticità, definire le finalità del progetto, con i metodi della costruzione di scenari (EASW) e del Community Planning.
I laboratori di progettazione hanno infine condotto ad individuare un perimetro condiviso per il futuro parco delle cave, tra le diverse vision dei diversi portatori di interesse, le destinazioni specifiche e le modalità di gestione del futuro parco, una rete di percorsi sostenibili all’interno del parco, la destinazione e le modalità di recupero dell’area “Nuova Beton”, che si prevede di destinare ad area naturalistico didattica, che illustri le caratteristiche del paesaggio, della fauna, della flora tipica, nonché la storia del luogo, e del suo passato produttivo, recuperandone alcuni manufatti.
Il processo è durato da luglio a dicembre 2014 e ha comportato l’elaborazione di 40 tavole introduttive di analisi territoriale di presentazione delle proposte intervenute prima dell’avvio del processo, due tavole di analisi dei laboratori, tre tavole principali di progetto (con diversi grafici che hanno preceduto e sviluppato il progetto stesso), un video originale, un sito internet interattivo, molto frequentato e partecipato a sua volta (www.segnisullacqua.org).
Ha accompagnato il percorso un comitato di valutazione presieduto da un esperto esterno (Luca Maria Francesco Fabris, docente della Scuola di Architettura del Politecnico di Milano), che ha verificato e valutato la metodologia impiegata in ordine soprattutto alla trasparenza, all’accessibilità delle informazioni, e alla effettiva partecipazione della cittadinanza e dei portatori di interesse, e la coerenza dei risultati raggiunti con le finalità previste e il valore culturale e tecnico delle proposte.
Il progetto, consegnato all’amministrazione comunale, è in fase di verifica per la sua attuazione ed implementazione nelle politiche di pianificazione della città.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico