Premio Internazionale Carlo Scarpa 2013, l’Islanda vince la ventiquattresima edizione

Il Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino, promosso e organizzato dalla Fonda­zione Benetton Studi Ricerche, dedica la ventiquattresima edizione (2013) all’orto di Skrúður (Skrudur), a Núpur, Dýrafjörður, Islanda, un giardino botanico che, con una scuola e una chiesa, un luogo riposto sulla riva di uno dei fiordi che sol­cano la regione nord-occidentale dell’Islanda, a pochi chilometri dal circolo polare artico, che ci aiuta a leg­gere i temi fondamentali della geografia, della storia e della cultura di quel paese.

 

Un luogo che contiene patrimoni di memoria e natura di particolare densità e si presenta come significativo per la ricerca scientifica e la sperimentazione di metodi e strumenti per la co­noscenza e il buon governo dei beni culturali.

 

Adagiato su un declivio che guarda a sud-ovest verso la lingua d’acqua del Dýrafjörður, Skrúður è circondato alle spalle dalla cortina di montagne dai fianchi mossi dall’erosione glaciale e a valle da un terreno brullo che digrada verso la riva del fiordo. Accanto, la scuola, una chiesa e la fattoria di Núpur dove una comunità ha inaugurato all’inizio del xx secolo un progetto che in questa terra e in que­sto luogo si presenta come sfida a condizioni ambientali estreme e a pressanti istanze di mi­glioramento sociale: coltivare la terra e aver cura di un processo indirizzato alla conoscenza, al benessere, all’educazione, all’elevazione sociale. Aperto nel 1909, l’orto-giardino nasce dalle mani del reverendo Sigtryggur Guðlaugsson, che pochi anni prima, insieme al fratello Kristinn, qui aveva inaugurato una scuola e un programma di educazione volto al riscatto da condizioni agricole arretrate, ispirato alle idee del pastore danese Nikolai Frederik Severin Grundtvig (1783-1872) diffuse anche in Islanda.

 

Skrúður è il nucleo denso intorno al quale gravita un insieme di modi pratici e di significati simbolici universali del dialogo con la natura, un luogo di apprendimento e spe­rimentazione che nei suoi primi quarant’anni di vita (1909-1949) trascorsi accanto alla scuola, grazie allo sguardo costante di Sigtryggur Guðlaugsson e di sua moglie Hjaltlina, di­venta un giardino. E, dopo una fase di relativo abbandono negli ultimi decenni del Nove­cento, ha ripreso a vivere e continua, oggi, a rinnovarsi grazie alle cure di un gruppo di uo­mini e donne che in anni più recenti se n’è fatto carico per restituirlo nel 1996 alle visite e alla coltivazione.

 

La campagna culturale del Premio ha avuto inizio pubblico a Milano con la conferenza stampa del 26 marzo 2013 e trova il suo apice a Treviso nelle giornate di venerdì 10 e di sabato 11 maggio prossimo, in un incontro con la delegazione islandese, nella pubblicazione del dos­sier dedicato al luogo designato, nell’apertura di un’esposizione di materiali documentari, nel seminario di riflessioni, e nella cerimonia di consegna, ai responsabili del luogo, del si­gillo disegnato da Carlo Scarpa (1906-1978), l’inventore di giardini che dà il nome al Premio.

 

L’inaugurazione della mostra sul luogo designato dal Premio 2013 con conferenza pubblica sul paesaggio islandese si terrà venerdì 10 maggio presso la Fondazione Benetton Studi Ricerche, spazi Bomben, Treviso.


Per ulteriori informazioni
Fondazione Benetton Studi Ricerche
via Cornarotta 7-9, 31100 Treviso
Tel. +39.0422.5121
E-mail: fbsr@fbsr.it
www.fbsr.it

 

Nell’immagine di apertura, vista dell’orto Skrudur nel paesaggio

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico