Premio Internazionale Architettura Sostenibile, per il decennale Glenn Murcutt tra i membri della giuria

Ideato e promosso dal Dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara, il Premio Internazionale Architettura Sostenibile intende riportare l’attenzione sulla necessità di riesaminare il rapporto tra processo edilizio e qualità dell’habitat attraverso il perseguimento della compatibilità tra produttività economica, tutela delle risorse e qualità dell’ambiente. L’iniziativa fondata nel 2003 vuole quindi incentivare e promuovere architetture che sappiano rapportarsi in maniera equilibrata con l’ambiente, che siano pensate per le necessità dell’uomo e che siano capaci di soddisfare i bisogni delle nostre generazioni senza limitare, con il consumo indiscriminato di risorse e l’inquinamento prodotto, quello delle generazioni future.

 

La crescita dell’iniziativa è stata esponenziale, un decennio che, dopo un inizio insicuro (anche legato al fatto che nel nostro paese dieci anni fa la sostenibilità non era una tematica prevalente nella discussione architettonica), ha visto il Premio arricchirsi anno dopo anno di partecipanti sempre crescenti in numero e internazionalità. La manifestazione è infatti negli anni riuscita ad attrarre tra i suoi iscritti alcuni importanti nomi del panorama mondiale come Dominique Parrault, Baumschlager & Eberle, Sauerbruch Hutton, Eduardo Souto de Moura, Kengo Kuma, Shigeru Ban, Christoph Ingenhoven, Georg Reinberg, Alejandro Aravena, Philippe Samyn, Diener & Diener, solo per citare i più famosi.

 

Anche i nomi dei giurati che si sono susseguiti in questa decade densa di progetti sono di altissimo valore e vanno a formare una community rimasta vicina alla manifestazione con l’apporto di contributi e spunti culturali legati alla divulgazione dell’architettura sostenibile. Tra questi troviamo nomi del calibro di Thomas Herzog, Francisco Mangado, Francine Houben, Françoise Hélène Jourda, Sir Michael Hopkins, Juhani Pallasmaa, Alexandros Tombazis, Wilfried Wang, Hermann Kaufmann, Matteo Thun, Luigi Prestinenza Puglisi, Brian Ford, Mario Cucinella.

 

Il cambio annuale dei membri della giuria garantisce decisioni neutrali esenti da influenze stilistiche o di qualsiasi genere di “scuola”. L’unico criterio di scelta è premiare un’architettura di alta qualità a livello internazionale tenendo conto della collocazione, del compito e dell’utilizzo dei mezzi sostenibili. Proprietà legate in modo permanente alla propria località geografica, alla topografia, all’ambiente circostante e al clima locale possono mostrarci approcci diversi in termini di gestione dell’energia, protezione dal surriscaldamento e generazione di energia ambientale.

 

Il Premio, in questa edizione, si avvia a festeggiare i suoi primi dieci anni con una giuria sempre guidata dalla competenza ed esperienza di Thomas Herzog e con un membro d’eccezione: Glenn Murcutt sarà infatti nel panel giurati per selezionare i migliori progetti in concorso mentre a giugno, sempre a Ferrara, premierà di persona i relativi autori. Gli altri membri della giuria 2013 saranno: Erik Bystrup, (Danimarca), Antonello Stella e Nicola Marzot (entrambi afferenti al Dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara).
Glenn Murcutt avrà un primo contatto con Ferrara già nella primavera 2013 quando sarà protagonista di una Lecture sul tema della sostenibilità: l’evento è previsto il 13 marzo presso il Dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara.
Questo sarà solo il primo di una serie di incontri pensati per festeggiare questi dieci anni al fianco della sostenibilità che consisteranno in conferenze, workshop tavole rotonde con i grandi protagonisti che si sono succeduti nelle diverse giurie e esperienze di viaggio volte a conoscere da vicino le loro opere più significative.

 

Per ulteriori informazioni
www.premioarchitettura.it

 

Nell’immagine, collage dei progetti premiati nelle dieci edizioni del Premio Internazionale Architettura Sostenibile

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico