Premio Architettura Città di Oderzo. Cerimonia di Premiazione e Inaugurazione Mostra

Temi da un paesaggio in evoluzione.
Sabato 28 febbraio 2009 alle ore 10.00 salgono sul podio i vincitori del Premio Architettura Città di Oderzo:  un momento dedicato alla presentazione dei progettisti, dei committenti e degli esecutori. Sarà  anche inaugurata la mostra presso Palazzo Foscolo, Oderzo (28 febbraio – 19 aprile 2009).

Entra nel vivo il calendario degli eventi correlati al Premio Architettura Città di Oderzo, quest’anno all’undicesima edizione, Premio che vede riconosciuto il suo ruolo di strumento di promozione della cultura dell’architettura e del paesaggio del Triveneto. Sono stati  infatti ben 116 i progettisti che hanno presentato le loro opere per un totale di 146 elaborati complessivi, provenienti da tutte le province nordestine.

Il Premio, che da sempre dedica molta attenzione alla comunicazione dell’architettura attraverso le immagini, ha deciso quest’anno di privilegiare video e fotografia come linguaggi comunicativi anche al fine di rendere la mostra itinerante e di utilizzarla come spunto per dibattiti e incontri da organizzare in collaborazione con gli Ordini professionali delle province del Triveneto. La mostra sarà dunque uno strumento di supporto per il confronto nelle varie realtà provinciali. La prima sede a ospitare la mostra sarà, come di consueto, Palazzo Foscolo.

 

L’apertura della mostra e la premiazione dei progettisti saranno un’occasione per presentare e portare ad un pubblico più vasto le considerazioni e il dibattito sui temi emersi nel corso dei lavori della Giuria. La registrazione di questi incontri andrà ad arricchire di contenuti e di opinioni la base dati del Premio che in futuro sarà a disposizione degli interessati on-line.

“L’ambizione è quella – sfruttando le potenzialità dei nuovi strumenti informatici – di proporre il Premio come esempio delle potenzialità delle realtà territoriali quando queste lavorano in sinergia e con ampio respiro su tematiche relative al proprio territorio.” ha commentato Giuditta Rado, presidente del Comitato organizzativo del Premio. “Occorre focalizzare l’attenzione pubblica sull’innovativo percorso di collaborazione tra il pubblico e il privato sui temi legati ad una qualità dell’architettura ottenuta attraverso la ricerca di consonanza di obiettivi tra committenti, professionisti, costruttori con un occhio alla ricerca e innovazione”.

Venerdì 06 marzo, a seguito della tavola rotonda “Fotografia e nuovi linguaggi di comunicazione dell’architettura“, verrà inaugurata la mostra fotografica “La visione dello spazio” realizzata dal CNAPPC (Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori ), in occasione del congresso mondiale degli architetti TORINO 2008. Ospite Roberto Mutti, giornalista di Repubblica e curatore della mostra medesima. L’opportunità concessa dal CNAPPC di ospitare la mostra “La visione dello spazio” relativa a fotografie di architettura – tra gli altri – di Basilico, Galimberti, Spiluttini è la prova del riconoscimento del lavoro di organizzatori e selezionatori del Premio.

Sabato 18 aprile, durante la cerimonia di chiusura, verrà presentato il documento “Ripensare il Veneto – per una cultura del paesaggio”, a cura della Fondazione Mazzotti, in collaborazione, tra gli altri, con la Regione del Veneto, la Provincia di Treviso e il Premio Architettura Città di Oderzo.

 

Nell’immagine: Ampliamento del cimitero di Lutago, Valle Aurina, Architetti Heinrich Mutschlechner e Gerhard Mahlknecht – progetto vincitore dell’XI Edizione. Foto di Günter Richard Wett, Mandelsberger-Straße 9, A-6020 Innsbruck

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico