Piano Casa, approvato il Decreto sviluppo per dare nuova linfa all’edilizia

Il Consiglio dei Ministri ha dato l’ok al Decreto sviluppo. Ritorna di attualità il Piano dell’edilizia, con tempi stretti per le Regioni. Decorso il termine si applicheranno le norme nazionali. Inoltre, il Cipe ha approvato i finanziamenti.

 

All’ordine del giorno della seduta di questa mattina del CdM è l’approvazione del Decreto sviluppo, all’ordine del giorno della seduta di questa mattina. Il provvedimento era passato ieri all’esame del preconsiglio dei Ministri.

 

Ecco cosa ha deciso il CdM
Per il Piano Casa le regioni avranno 60 giorni di tempo dall’approvazione del decreto sviluppo per approvare le leggi attuative del Piano Casa stesso. In quelle a statuto ordinario, trascorsi 120 giorni di tempo, con clausola di cedevolezza, le nuove norme statali saranno “immediatamente applicabili”.

Si legge nel testo: “Decorso il termine di 120 giorni dall’entrata in vigore del decreto le disposizioni sono immediatamente applicabili alle regioni a statuto ordinario che non hanno provveduto all’approvazione delle specifiche leggi regionali”.
Saranno consentiti ampliamenti fino al 20% del volume nel caso di edifici destinati a uso residenziale e al 10% per edifici ad altro uso.

 

La seduta del Cipe
Sempre questa mattina durante la seduta del Cipe sono stati approvati gli schemi degli accordi di programma con 14 Regioni per la realizzazione di 15.209 alloggi per l’housing sociale. Le risorse complessivamente investite sono pari a 2,717 miliardi di euro di cui 1,979 miliardi sono costituiti da fondi privati.
La nota spiega: con riferimento al Piano nazionale di edilizia abitativa, il Cipe si è espresso sugli schemi di accordo di programma tra il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e le Regioni Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria, Veneto e la Provincia autonoma di Trento. Vengono così attivati fondi pubblici per 740 milioni di euro (di cui 298 statali) e fondi privati per quasi 2 miliardi di euro, consentendo la realizzazione di 15.200 alloggi.
Tali risorse si aggiungono ai 140 milioni di euro già stanziati a favore del sistema di fondi immobiliari per l’edilizia residenziale in risposta al fabbisogno complessivo di abitazioni da parte delle categorie sociali svantaggiate. Il rilevante contributo privato permette di ampliare la dimensione dell’intervento rispetto a quanto sarebbe stato possibile fare con i soli fondi pubblici, in coerenza con la politica di stabilità finanziaria intrapresa dal Governo.
L’apertura dei cantieri per costruzioni e ristrutturazioni, sostenuto da questa misura, assieme alle altre indicazioni contenute nel Piano Casa, contribuirà al rilancio del settore edile in Italia, particolarmente colpito negli ultimi anni dalla crisi economica e finanziaria”.

 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico