Pianificazione urbana e identità territoriale, il convegno ‘Aree di confine’

Si terrà il prossimo venerdì 15 febbraio a San Giovanni Valdarno il convegno Aree di confine, periferia o nuovo centro urbano? Esperienze a confronto, scenari futuri per il Valdarno, organizzato dall’Ordine degli Architetti di Arezzo con la Commissione Territoriale del Valdarno. La giornata di studi vedrà la partecipazione di insigni studiosi, architetti e docenti universitari.

 

Il convegno è organizzato nell’ambito di un programma di iniziative promosso dalla Commissione Territoriale del Valdarno con l’obiettivo di monitorare lo stato di attuazione degli strumenti urbanistici dei vari Comuni; partecipare alla definizione degli strumenti urbanistici tramite contributi nelle varie fasi della loro definizione; contattare le Amministrazioni per verificare le opportunità di collaborazione all’organizzazione di dibattiti, concorsi, workshop ecc. su temi significativi; promuovere lo strumento del “concorso” per progetti importanti; favorire e organizzare iniziative culturali e informative nelle varie realtà locali.

 

Le aree a confine tra varie entità territoriali sono percepite in genere quali aree marginali e di risulta, nelle quali insediare le funzioni ritenute meno pregiate o incongrue con il tessuto residenziale. Di conseguenza questi luoghi (o, meglio, non luoghi) sono privi di una qualsiasi idea progettuale di utilizzazione collettiva che le renda parti vive e centrali di un ambito territoriale vasto. Nella prospettiva attuale di una sempre maggiore aggregazione amministrativa delle varie identità comunali, queste aree assumono invece in modo sempre più marcato il ruolo di “aree centrali” deputate a connotare un’identità territoriale condivisa e riconoscibile. Le aree di confine tra i principali comuni del Valdarno contengono già oggi, anche se in forma embrionale, gli elementi necessari per assumere il ruolo di luoghi centrali di un ampio sistema territoriale (elementi naturalistici, elementi infrastrutturali, elementi funzionali). Questi elementi sono però esito di un processo non sempre pianificato in maniera unitaria, che ha determinato la nascita di emergenze isolate, non interconnesse tra loro e che, soprattutto, non hanno generato un’idea di identità comune.

 

Al convegno verranno presentati esempi ed esperienze analoghe sotto l’aspetto della pianificazione urbanistica di area vasta, della progettazione architettonica, della progettazione paesaggistica ed ambientale, della partecipazione dei cittadini alle scelte.

 

Il programma della giornata prevede interventi di: Marco Romano, Milano, Le città del fondovalle; Annick Magnier, Firenze, Sociologia urbana e gestione amministrativa; Paolo Bellenzier, Bolzano, Concorso di progettazione, progetto multisettoriale; Claudio Saragosa, Firenze, Nuovi orizzonti della pianificazione territoriale; Isotta Cortesi, Parma, Il paesaggio come elemento identitario dei territori; Boris Podrecca, Vienna, Il progetto delle aree di confine.


Scarica la locandina del convegno


SCHEDA EVENTO

 

Convegno
Aree di confine, periferia o nuovo centro urbano?
Esperienze a confronto, scenari futuri per il Valdarno


Luogo
Auditorium della Banca del Valdarno
via Montegrappa 4
San Giovanni Valdarno


Data
venerdì 15 Febbraio 2013


Orario
9.30-12.30
14.00-20.00


Per ulteriori informazioni
Tel. 338 3136878
Fax 0575 353 014
E-mail: info@areediconfine.it | info@architettiarezzo.it
www.areediconfine.it | www.architettiarezzo.it

 

Nell’immagine, Boris Podrecca, progetto per la stazione di Bolzano, 2011, primo premio al concorso di progettazione. © Boris Podrecca Architekten

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico