Pianificazione territoriale: 3 progetti di sviluppo e riqualificazione paesaggistica

Paesaggio costiero Puglia

Urbanpromo, la manifestazione organizzata dall’Istituto Nazionale di Urbanistica e da Urbit, come abbiamo visto offre sul sito www.urbanpromo.it una rassegna multimediale costruita con i progetti degli enti che partecipano alla manifestazione, e propone anche casi di pianificazione territoriale che riguardano le dimensione dell’area vasta e regionale.

Tra questi il Progetto di Territorio Snodo 2, presentato dalla Regione Abruzzo e dal Ministero delle Infrastrutture. Si tratta  della prosecuzione del Programma “Territori Snodo” dello stesso Ministero delle Infrastrutture e Trasporti. Nel contesto della Regione Abruzzo esso viene declinato come “Progetto di territorio” e si sviluppa attraverso interventi integrati per la crescita regionale nell’ambito più generale della Piattaforma territoriale strategica Lazio-Abruzzo. Lo studio, che ha esplicitato gli elementi definitori del Progetto, ha letto il territorio abruzzese in relazione alla più ampia Italia mediana (Abruzzo, Lazio, Molise, Umbria e Marche e in parte la Toscana e la Campania), una lettura originale dello spazio regionale in linea con le tendenze europee, interpretata quale Macroregione e per questo assunta come sistema di riferimento territoriale per le politiche socio-economiche.

Poi c’è il Comune di Ancona che ha presentato il Piano di Sviluppo dell’Area Metropolitana Medio-Adriatica (Amma).  Il 14 maggio 2014 ha preso il via con la firma da parte dei 40 comuni della Provincia di Ancona del Protocollo d’intesa per la costruzione di una strategia territoriale integrata e multisettoriale coerente alla Strategia EU 2020. A seguito della firma del protocollo, i Comuni hanno presentato circa 300 schede progettuali ritenute significative e potenzialmente collaboranti agli intenti e finalità degli scenari di sviluppo. Attraverso un processo di condivisione con gli “stati generali” del territorio si è giunti poi alla definizione di Progetti Territoriali costituiti da una selezione ragionata dei 300 interventi proposti.

Infine la Regione Puglia. Il progetto “Valorizzazione e riqualificazione integrata dei paesaggi costieri della Puglia” che rientra, nell’ambito del piano paesaggistico approvato nel febbraio 2015, tra le strategie di valorizzazione del sistema costiero e di interruzione dei processi di degrado legati alla pressione antropica sul litorale. Il progetto integra su una fascia costiera profonda interventi articolati su waterfront urbani, sulle urbanizzazioni periferiche, sui sistemi dunali, sulle zone umide, sui paesaggi ad alta valenza naturalistica, sui collegamenti con gli entroterra costieri, sulla mobilità dolce. Al fine di dare compimento alla strategia del Piano, la Regione Puglia ha individuato nel Concorso di Progettazione, in attuazione della LR 14/2008 “Misure a sostegno della qualità delle opere di architettura e di trasformazione del territorio”, lo strumento fondamentale per l’acquisizione delle migliori proposte progettuali. Gli ambiti interessati dalla sperimentazione sono: i comuni di Ugento (LE), Torchiarolo (BR), Melendugno (LE), Gallipoli con il raggruppamento dei comuni di Alliste, Taviano, Racale (LE) e il raggruppamento dei comuni di Ortelle, Diso, Spongano e Andrano – ODSA (LE).

www.urbanpromo.it

 

Leggi anche l’articolo Rigenerazione urbana per un nuovo utilizzo degli spazi.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico