Philippe Starck disegna a Palazzo Grassi

Dopo il 1992, quando con il Paramount Hotel di New York si è aggiudicato l’Honor Award dell’American Institute of Architects, per “aver confezionato una nuova immagine nell’ambito dell’hotellerie, unendo lusso e minimalismo” con ironia, dalle maschere di Carnevale sulle lampade alle sculture in vetro di Aristide Najean, il designer francese ha firmato gli interni dell’albergo a cinque stelle affacciato sul Canal Grande, accanto a Palazzo Grassi, con arredi in edizione limitata. Palazzo Grassi è l’ultimo edificio costruito a Venezia prima della caduta della Repubblica, ed è oggi uno degli spazi espositivi più prestigiosi d’Italia.

Nel suo primo lavoro dedicato a un hotel italiano Philippe Starck esprime il suo amore per Venezia, città vicino alla quale abita da anni, utilizzando l’eccellenza industriale e artigianale locale all’interno del suo progetto.

Moderno, classico, vintage, firmato e anonimo si confondono. L’idea di ospitalità ricerca il piacere e la convivialità: la hall-salotto, con disposizione libera di tavoli, è un invito a socializzare, inseguendo il desiderio del proprietario Emanuele Garosci di realizzare una “nobile casa di famiglia”. La Palazzina Grassi, oltre che dai dettagli in edizione limitata di Starck, è impreziosita dalla filosofia bespoke alla base della cura degli ospiti: servizi di check-in personalizzato, breakfast a qualsiasi ora e in qualsiasi area dell’hotel, room service 24 ore su 24, ristorante di cucina veneziana, un private club a ingresso limitato e terrazze panoramiche sui tetti della città.
Nelle 16 camere e 6 suites apartment con vista sul Canal Grande trionfa la tradizione veneziana con mogano, mattoni a vista, marmo, 286 specchi, uniti al design contemporaneo, il tutto all’interno di un edificio cinquecentesco affacciato sul Canal Grande.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico