Paesaggio Italiano, a Roma la mostra Fotografie 1950 – 2010

Ha inaugurato lo scorso 23 gennaio al Museo di Roma in Trastevere la mostra Il Paesaggio Italiano. Fotografie 1950 – 2010, una raccolta di 134 fotografie in cui l’indiscusso protagonista è il paesaggio italiano. La mostra, promossa dall’Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, dalla Regione Friuli Venezia Giulia e dal C.R.A.F. Centro Ricerca e Archiviazione della Fotografia, con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura, dopo l’esposizione di Roma, dove rimarrà fino al 20 aprile, si terrà a Zagabria in Croazia e a Lubiana in Slovenia in occasione del Semestre di Presidenza Italiana dell’Unione Europea.

 

La mostra spazia nell’arco della seconda metà del 900, ed evidenzia i diversi modi con i quali il paesaggio italiano è stato approcciato sulla base delle diverse “scuole di pensiero” alle quali sono appartenuti gli autori. Dai pittorialisti ai fotografi vicini all’estetica Crociana, dagli aderenti a La Gondola ai neorealisti fino ai paesaggisti del Touring Club Italiano.

 

Dagli anni ’60 fu la volta del viaggio come scoperta di un territorio che Paolo Monti aveva iniziato a mappare in modo sistematico. Per i grandi maestri Mario Giacomelli e Ugo Mulas il paesaggio era strettamente legato alla letteratura mentre in Franco Fontana diventava una terra incantata che riassumeva le estetiche del paesaggio rinascimentale.

 

Alla fine degli anni ’60 Guido Guidi ha iniziato a presentare i suoi paesaggi marginali anticipando le problematiche attuali dei non luoghi e poi con Luigi Ghirri, sulla base della critica alla “visione cartolinesca”, venne avviato dagli anni ‘70 il nuovo viaggio in Italia che fece emergere di conseguenza un nuovo modo di intendere la fotografia, quindi la bellezza del Mediterraneo e la sua ricchezza culturale fino alla dimensione urbana (Gabriele Basilico, tra gli altri).

 

Con la città invasa di Roberto Salbitani appare negli spazi urbani l’invasione della pubblicità di cui Oliviero Toscani e Franco Turcati esaltano la dirompente potenzialità mediatica, mentre Luca Maria Patella, Rosa Foschi, Mario Sillani Djerraian e poi Gianluigi Colin, Marcello Di Donato, Davide Bramante e Maria Mulas si misurano da parte loro con il paesaggio fantastico.

 

Dopo la ricerca più tradizionale sugli ultimi scorci di bellezza del paesaggio intrapresa nel corso degli anni da una parte dei fotografi italiani e l’introduzione di elementi di storia dell’arte e di memoria dei luoghi, la mostra si conclude presentando la visione contemporanea del paesaggio oramai frammentato, come viene proposta, tra gli altri, da Maurizio Galimberti.


Scarica il flyer della mostra


SCHEDA EVENTO
Il Paesaggio Italiano. Fotografie 1950 – 2010
a cura di Walter Liva


Organizzazione
Zètema Progetto Cultura


Luogo
Museo di Roma in Trastevere
Piazza S. Egidio, 1B


Periodo
dal 24 gennaio al 20 aprile 2014


Orari
martedì-domenica | 10.00-20.00


Per ulteriori informazioni
www.museodiromaintrastevere.it

 

Nell’immagine di apertura, Francesco Radino, Capri, 2003

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico