Paesaggio, al via le giornate di studio della Fondazione Benetton

paesaggio

Al via, giovedì 16 febbraio 2017, la tredicesima edizione delle Giornate internazionali di studio sul paesaggio organizzate dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche, negli spazi Bomben di Treviso. L’appuntamento di quest’anno, che si concluderà il giorno successivo, 17 febbraio, si concentrerà sulla parola “prato” inteso come luogo, e alle diverse declinazioni che questo luogo assume nella storia della cittࠖ prato, pré, prado, green, common, e così via.

Leggi anche Brand and Landscape Award 2016: ecco i vincitori

Il programma delle giornate (vedi in basso) prevede quattro sessioni che partono dai prati nella storia e nella cultura del paesaggio, per passare ai modi in cui la cultura urbanistica e architettonica ha pensato al ruolo e all’immagine di tali spazi. La struttura del paesaggio urbano, l’interazione dell’uomo con la vegetazione “spontanea” e il progetto occupano invece la terza sessione, mentre l’ultima sarà dedicata a un confronto tra diverse esperienze.

Le giornate di studio sul paesaggio sono progettate dal Comitato scientifico della Fondazione Benetton Studi Ricerche, con il coordinamento di Luigi Latini e Simonetta Zanon. Fanno parte del Comitato scientifico: Teresa Andresen, Giuseppe Barbera, Hervé Brunon, Anna Lambertini, Luigi Latini (presidente), Monique Mosser, Joan Nogué, Lionello Puppi, José Tito Rojo, Massimo Venturi Ferriolo e i referenti interni della Fondazione Marco Tamaro (direttore), Patrizia Boschiero, Francesca Ghersetti, Massimo Rossi, Simonetta Zanon.

Tra in relatori, docenti della Technische Universität Berlin, Technische Universität München, Oslo School of Architecture and Design, IUAV, Università degli Studi di Firenze, Granada, e Raul Pantaleo di TamAssociati.

Come anticipa Latini, “le parole usate per questi luoghi speciali della città saranno il punto di partenza per un’indagine che intende evocare, al di là di ogni specifica classificazione, il senso della lunga storia urbana e sociale che ce li ha consegnati e l’importante ruolo che il paesaggio esercita nella loro vita, spesso incerta, tra abbandono e esperienze progettuali innovative. Si proporrà una riflessione aggiornata sul rapporto tra città, paesaggio e luoghi collettivi, mettendo a confronto sia contributi di natura storica e culturale, sia esperienze e progetti, compiuti o in corso, orientati alla ricerca di nuove accezioni di spazio comune nella dimensione urbana contemporanea“.

Leggi anche Architettura rurale e paesaggio, una relazione da preservare e valorizzare

Giornate di studio sul paesaggio, il programma

Giovedì 16 febbraio 2017

  • ore 10:00 – 13:00
    Introduzione alle giornate di studio, Luigi Latini e Simonetta Zanon
    I “prati” nella storia e nella cultura del paesaggio, coordina Monique Mosser
    Il paesaggio dei beni comuni: luoghi, pratiche, concetti, Jean Marc Besse
    Col verde tessuto della speranza: il prato americano, Alessandra Ponte
    I prati nel mondo mediterraneo, Franco Panzini
  • ore 15:00 – 17:30
    Città, paesaggio, luoghi dell’immaginario, coordina Luigi Latini
    Città, natura, luoghi collettivi di libertà nel XX secolo, Mario Lupano
    Amsterdam, il Museumplein e lo spazio pubblico contemporaneo, Marteen Kloos
    Luoghi d’incontro, città per le persone, Jeppe Aagard Andersen
  • ore 18:00
    Nativa dei prati, Elisa Tomat conversa con José Tito Rojo
  • ore 21:00
    Giardini al nitrato, terrain vague digitali. Paesaggi urbani nel cinema, Marco Bertozzi

venerdì 17 febbraio 2017

  • ore 10:00 – 13:00
    Nuovi prati, il lavoro del paesaggista, coordina Teresa Andresen
    Stabilizzare la struttura del paesaggio per abitare gli spazi urbani, Udo Weilacher
    Intentions for the Unintentional, vegetazione spontanea e ambiente urbano, Norbert Kühn
    Spazi collettivi nei limiti della metropoli, Imma Jansana
  • ore 15:00 – 18:00
    Lavori in corso: azioni, occupazioni temporanee, nuova vita nei prati, coordina Simonetta Zanon
    Nelle periferie italiane, agire per il bene comune, Raul Pantaleo
    Berlino, Tempelhof e altre esperienze in corso, Federica Dell’Acqua
    Sperimentazioni nei paesaggi urbani, Claudio Bertorelli
    Tra disciplina e consuetudini. Prati di notte, Laura Tinti
    Prato della Fiera, Treviso, Anna Lambertini

 

La partecipazione alle giornate di studio è libera, fino a esaurimento dei posti disponibili. Per ragioni organizzative si prega ugualmente di comunicare la propria adesione tramite e-mail all’indirizzo fbsr@fbsr.it oppure telefonicamente al numero 0422.5121 (o anche via fax al numero 0422.579483).

È prevista la traduzione simultanea in italiano e in inglese di tutti gli interventi. Le giornate di studio saranno disponibili in diretta streaming sul sito della Fondazione. Agli architetti iscritti all’ordine che ne faranno richiesta saranno riconosciuti i crediti formativi.

In occasione delle giornate, la biblioteca della Fondazione sarà aperta dalle ore 9 alle 20.

 

Per ulteriori informazioni
www.fbsr.it

 

Nell’immagine: Tempelhof, Berlino. da Il Post

Aggiungi un commento

Aggiungi un commento
Please enter your name here