Ordine Architetti Torino, architettura in città: al via il Festival

Si terrà dal 14 al 17 luglio 2011 la prima edizione del Festival “Architettura in Città”, organizzato dall’Ordine degli Architetti PPC della provincia di Torino e dalla Fondazione OAT. L’evento, coinvolgendo oltre 70 soggetti culturali che operano sul territorio, intende raccogliere l’eredità e lo spirito che hanno caratterizzato il calendario di eventi aperti ai cittadini del Congresso Mondiale degli Architetti svoltosi a Torino nel 2008. Durante il Festival che si svolgerà a Torino e in 14 Comuni della provincia, arte, cinema, teatro, danza, letteratura, fotografia, food e musica dialogano con i temi dell’architettura e del design, della città e del paesaggio.

 

I luoghi dove si realizzano le iniziative del Festival sono: Avigliana, Biella, Chivasso, Collegno, Grugliasco, Ivrea, Moncalieri, None, Pinerolo, Racconigi, Rivalta, Rivoli, San Mauro Torinese, Settimo Torinese, Torino.
Le iniziative sono numerose e quelle organizzate direttamente da Ordine Architetti e Fondazione OAT sono quattro:

 

La mostra fotografica “3xcinquanta=1” dedicata all’architettura dell’Unità di Italia e delle due celebrazioni dei successivi cinquantenari si svolge a Torino (via Teofilo Rossi, a cura di Cristiana Chiorino e Mauro Volpiano) e inaugura il 13 luglio aprendo ufficialmente il Festival “Architettura in Città”. È la terza volta che si propone una mostra in piazza per permettere a un vasto pubblico di avvicinarsi e comprendere l’architettura della nostra città e della provincia. Attraverso le fotografie d’epoca delle architetture più significative si ripercorrono le date simboliche delle celebrazioni torinesi dell’Unità (1861, 1911, 1961) per capire come la città abbia affrontato le sfide del cambiamento, costruendo progressivamente una nuova immagine di sé, senza disconoscere il rapporto con la sua memoria risorgimentale.
– “Space is only noise?”, in collaborazione con Xplosiva e Club To Club: due performance musicali in contemporanea in modalità silent disco presso il Museo Nazionale dell’Automobile (il 16 luglio alle ore 18.00) sul concetto di spazio come rumore, una legata all’idea del piano in musica, l’altra a quella del forte musicale, tra cui il pubblico, dotato di cuffie individuali, potrà scegliere quale si adatti meglio alla fruizione dello spazio.
Dove finisce la città”, iniziativa multidisciplinare a cura di taomag.it che chiude il Festival il 17 luglio alle 21 a Palazzo Bertalazone di San Fermo in via san Francesco d’Assisi, svelando di fatto il tema che ha costituito il filo conduttore di tutte le iniziative: l’iniziativa indaga, attraverso l’intervento di scrittori, registi, fotografi e architetti, qual è il limite fisico della città e quale sarà il suo futuro.
Fotografie del concorso di taomag.it e la proiezione della selezione video curata da Image Archive di Firenze, entrambi inseriti nell’evento “Dove finisce la città”, saranno visibili dal 13 al 17 luglio presso la “casa” del Festival che per l’occasione sarà il seicentesco Palazzo Bertalazone di San Fermo in via San Francesco d’Assisi, che accoglierà l’infopoint in cui troveranno spazio attività di informazione e ospitalità di alcune iniziative in calendario.

 

Tra gli eventi che vedono la collaborazione di OAT e Fondazione OAT: il Focus Group OAT Professione Creativa presenta il 16 luglio a Palazzo Bertalazone le videointerviste a “I giovani architetti tra il dire e il fare” su criticità e futuro della professione; l’associazione Protodesign espone presso Res Nova gli esiti del concorso Con.fine Design, indetto con la collaborazione scientifica della Fondazione OAT, per un oggetto di design eco-democratico; nel cortile del Castello del Valentino sarà esposto il modulo in legno regionale “Il senso del Legno”, frutto di un intenso lavoro di workshop nell’ambito del progetto BoisLab (Provincia di Torino, Politecnico di Torino, FOAT).

 

E inoltre, la mostra del premio “Architetture Rivelate” a Chivasso presso la Chiesa degli Angeli, inaugurata l’8 luglio e visitabile fino al 17 (GAC Gruppo Architetti del Canavese e Valle d’Aosta).

 

Scarica il flyer della mostra “Architetture Rivelate”

 

Il Museo Regionale di Scienze Naturali ospita due mostre di architettura: l’una, a cura di Gi.Arch. Coordinamento Nazionale dei Giovani Architetti Italiani con l’associazione Giovani Architetti Torino, espone Progetti di giovani architetti italiani under40, l’altra, Global Award for Sustainable Architecture, raccolta dei progetti vincitori del premio internazionale promosso da LOCUS Fund e dalla Cité de l’Architecture et du Patrimoine di Parigi, portata a Torino dalla rivista The Plan.
Nei giorni del Festival si conclude, con un incontro sul processo di trasformazione del Deposito tabacchi di Tortona, la grande mostra dedicata a Pier Luigi Nervi, in corso a Torino Esposizioni, alle cui opere è anche dedicato un itinerario guidato a cura di Urban Center Metropolitano. Dedicata a un altro grande maestro dell’architettura del Novecento è la visita guidata che il Comune di San Mauro e Burgo Group propongono al celebratissimo centro direzionale Burgo a firma dell’architetto brasiliano ultracentenario Oscar Niemeyer.

 

Urban Center Metropolitano organizza due speciali visite guidate a cantieri in città (il discusso grattacielo Intesa Sanpaolo e l’innovativa Residenza 25 verde in via Chiabrera) e l’inaugurazione della nuova sede aperta al pubblico di UCM in piazza Palazzo di Città con la presentazione del volume “Torino contemporanea. Guida alle architetture”, che raccoglie i cento più significativi interventi realizzati a Torino e nell’area metropolitana negli ultimi trent’anni.

 

Scarica il programma completo del Festival

 

L’iniziativa, nell’ambito di Esperienza Italia, i festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia che si tengono a Torino e in Piemonte, è stata accolta con vivo interesse da Città di Torino, Provincia di Torino e Regione Piemonte che hanno concesso il patrocinio insieme alla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Torino e Collegio Costruttori Edili di Torino. Il Festival ha ricevuto il contributo della Città di Torino e il sostegno degli sponsor Sikkens e Zumaglini & Gallina. media partner è il Master in Giornalismo di Torino.

 

Per ulteriori informazioni
Tel. 011 5360512/515
E-mail: staff.fondazione.oato@awn.it
www.architetturaincitta.it

 

 

 

Nell’immagine, mostra, Progetti di giovani architetti italiani, Mauricio Cardenas Laverde, Bamboo Eco Dome, Milano, dettaglio del rivestimento del padiglione

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico