Nuovo Teatro Comunale “Luigi Russolo” di Portogruaro

La volontà di dare a Portogruaro un teatro comunale risponde ad una lunga attesa e alle molte aspettative di una città con forti identità e tradizioni culturali, tra cui anche quelle teatrali. Il primo documento che fa riferimento a spettacoli teatrali nella città risale al 1622: è stato naturale quindi pensare ad un nuovo teatro, con sede nel suo centro storico. Così come è stato naturale individuare a tale scopo l’ex cinema Silvio Pellico, di proprietà della Diocesi Vescovile di Concordia – Pordenone. Subito dopo l’acquisto dell’immobile iniziava una sfida per tutti: realizzare il nuovo teatro comunale e avviare una riqualificazione dell’intero ambito urbano in cui lo stesso veniva a collocarsi.

 

Le verifiche e gli studi di fattibilità avviati nel 2005 dai tecnici del comune, con il supporto di consulenze esterne e la costante collaborazione della Fondazione Santa Cecilia, nel 2007 diventano progetti definitivi ed esecutivi a cura e firma di un pool di professionisti scelti attraverso una accurata selezione ad evidenza pubblica per le specifiche esperienze e competenze possedute in materia. Dalle scelte dimensionali fino agli aspetti legati all’impiantistica e all’acustica il progetto è un percorso fatto di continui affinamenti” ha affermato l’ing. Guido Andrea Anese, Responsabile dell’Area Lavori Pubblici di Portogruaro.
A realizzare i lavori di ampliamento e restauro al Teatro Comunale Luigi Russolo di Portogruaro è stata la veneziana S.A.C.A.I.M., società fondata nel 1920 e riconosciuta nel settore delle infrastrutture e del restauro per aver seguito diversi interventi significativi anche in teatri storici.
Nota soprattutto per la ricostruzione del Gran Teatro La Fenice di Venezia, S.A.C.A.I.M. attualmente è impegnata in altri importanti interventi di edifici destinati alla cultura tra cui il Nuovo Palazzo del Cinema e dei Congressi al Lido, il complesso restauro delle Gallerie dell’Accademia di Venezia e il teatro Nazionale di Milano.

 

La progettazione definitiva ed esecutiva del Teatro Comunale Luigi Russolo è dello Studio Amati Architetti di Roma. “Il nostro studio vanta al suo attivo in Italia la progettazione di 13 teatri di medie e grandi dimensioni, quasi tutti recuperi di complessi esistenti. Il teatro ‘Luigi Russolo’ per la sue caratteristiche e le sue complessità rappresenta un fiore all’occhiello per il nostro studio”,  afferma l’arch. Federica Finanzieri, progettista Studio Amati Architetti. “Partendo dall’idea originaria della Amministrazione Comunale, che ha redatto il progetto preliminare, la sfida che abbiamo accettato è stata quella di calare all’interno della struttura edilizia esistente un nuovo organismo in grado di assolvere tutte le moderne funzioni richieste dallo spettacolo, raggiungendo così un felice equilibrio tra la conservazione del passato e le esigenze della contemporaneità”.
Viviamo ancora l’emozione della rinascita del teatro a partire dalla posa della prima pietra. Un team di direzione dei lavori ben organizzato e competente, coordinato dalla notevole esperienza dello Studio Amati nel campo di realizzazione di teatri, ci ha permesso di raggiungere un obiettivo così tanto voluto dalla Città di Portogruaro in poco più di dodici mesi di lavoro” dichiara l’arch. Romina Sambucci, direttore lavori Studio Amati Architetti. “Le maestranze locali si sono rivelate qualitativamente elevate, ringraziamo l’impresa SACAIM di Venezia, appaltatrice dei lavori, e tutte le imprese subfornitrici per il supporto, l’esperienza e il costante impegno profuso per la felice conclusione dei lavori”.

 

Il teatro può ospitare ogni tipo di esecuzione musicale, dal sinfonico, al cameristico, al solistico, grazie all’importante progetto acustico realizzato dall’architetto Eleonora Strada una delle massime esperte italiane che ha operato per La Fenice di Venezia, il Petruzzelli di Bari, l’Auditorium di Roma, il Teatro San Carlo di Napoli. “La filosofia che ha improntato la progettazione acustica ha seguito il criterio della costruzione degli strumenti musicali, ricercando la soluzione migliore ed ottimale per la riproduzione della musica sinfonica e della lirica, come gli antichi maestri liutai hanno saputo trasmettere ed insegnare”, afferma l’arch. Strada, “le scelte progettuali, pertanto, hanno ricercato alle origini le caratterizzazioni proprie degli strumenti musicali o del canto e delle armonie che questi sono in grado di produrre”.

 

La gestione del teatro comunale Luigi Russolo è affidata alla Fondazione Musicale Santa Cecilia. “Il progetto del Teatro Russolo è nato dall’incontro di un pool di professionisti che hanno condiviso le reciproche esperienze. Il teatro è una costruzione atipica e con delle specifiche uniche, pertanto attorno al tavolo di lavoro servono vari esperti, di acustica, di impiantistica, ma anche il gestore futuro che deve indirizzare la progettazione verso criteri di massima funzionalità”, ha affermato Davide Masarati, direttore della Fondazione Musicale Santa Cecilia e direttore artistico-organizzativo del Teatro Russolo.

 

Il linguaggio architettonico utilizzato, soprattutto all’esterno, denuncia chiaramente le funzioni che vi si svolgono, rendendo subito evidente al cittadino l’immagine della sua rinnovata vitalità.
Mentre all’esterno si prediligono materiali tradizionali (pietra, intonaco, vetro) utilizzati però in chiave moderna, all’interno della sala il legno fa da padrone, con differenti finiture e modalità di posa per generare un involucro acusticamente adatto alle funzioni che vi si svolgono.
Altro importante aspetto che in fase di progettazione ha richiesto approfondimenti è stato il problema legato agli spazi per il pubblico. Gli ambienti esistenti, seppure ottimizzati, non consentono infatti una dotazione di spazi di relazione compatibile con la capienza della sala.
Si è cercato quindi di inserire, seppure con dimensioni minime, tutte le funzioni indispensabili negli ambienti a disposizione (biglietteria, guardaroba, bar, servizi igienici) lasciando però al foyer un ambiente che diventa bene utilizzabile solo in continuità con il cortile coperto della scuola di musica limitrofa.
In questo modo il pubblico può transitare e sostare, prima, dopo e durante gli eventi in programmazione, in spazi confortevoli e altamente rappresentativi. Infatti la presenza della antica magnolia all’interno del cortile, dalla quale si è fortemente voluta la conservazione e la integrazione nella struttura edilizia, rappresenta un segno della storia della città e del teatro stesso.
In fase di progettazione esecutiva infine, l’attenzione dei progettisti si è concentrata, oltre che nella definizione puntuale delle soluzioni architettoniche scelte in fase di progetto definitivo, anche nella integrazione delle altre progettazioni specialistiche, quali quella delle strutture e quella degli impianti, nell’organismo architettonico così concepito.
Naturalmente ogni scelta è stata effettuata rispettando le normative vigenti in termini di sicurezza, di superamento delle barriere architettoniche (il teatro è infatti completamente accessibile), di ambiente.

 

SCHEDA PROGETTO

 

Progetto
Nuovo teatro comunale “Luigi Russolo”. Ristrutturazione ed ampliamento

Località
Portogruaro, Venezia

Committente
Comune di Portogruaro, Venezia

 

Coordinamento generale
Studio Amati S.r.l.

 

Progettazione
Architettura           
Studio Amati Architetti 
arch. Alfredo Amati (capo progetto)
arch. Federica Finanzieri
arch. Marta Silvestrini

Strutture
ing. Lamberto Briseghella
 
Impianti   
Steam. S.r.l.
 
Acustica
arch. Eleonora Strada

 

Direzione Lavori
Studio Amati Architetti
arch. Alfredo Amati  
arch. Romina Sambucci

 
Coordinamento sicurezza in fase di progettazione      
arch. Romina Sambucci

 

Coordinamento sicurezza in fase di esecuzione      
ing. Massimo Zanet

 

Collaboratori    
arch. Federica Giordano
arch. Maria Luisa Gioffredi
arch. Alessandro Balasso
arch. Massimo Giovannetti
ing. Laura Catacchio                                                           
ing. Jr. Marco Lucidi
geom. Gianluca Abbati

 

Rendering
Christopher Stack

 

Cronologia
Progetto: maggio 2006 – aprile 2007
Inizio lavori: aprile 2008
Stato: ultimato 1° lotto
Fine lavori: 11 maggio 2009

 

Superficie complessiva
2.061 mq

 

Nell’immagine, il nuovo teatro comunale “Luigi Russolo”, prospetto su via Silvio Pellico: la nuova torre scenica ed il rinnovato ingresso principale

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico