Nuove immagini per la città contemporanea: alla conquista di un ambiente di qualità

Da qualche anno le città si arricchiscono di spazi nuovi, proposte imprenditoriali innovative, volte alla riconquista di un ambiente di qualità. È il caso di Bologna dove oggi, oltre ai Portici, alla Piazza Maggiore, al Nettuno e ai negozi del Centro, è possibile trovare un nuovo tipo di spazio; insolito, eterogeneo, multifunzionale, che propone un modo diverso di fare impresa. Un’impresa giovane, ad alto tasso creativo, che attraverso lo sviluppo di idee originali è capace di trasformare e promuovere l’immagine della città contemporanea.

 

In via Santa Croce, quartiere Saragozza, dalla visione di due giovani creativi, Giovanni e Jorge, nasce Senape Vivaio Urbano, realtà pronta al dialogo con il contesto cittadino circostante, luogo utilizzato da tutti, adatto ad utenti di ogni età.
Uno spazio commerciale e non solo, in cui le persone sono partecipi di un’avventura, di un’immersione totale nell’esperienza, per un momento di relax o per il tempo di un acquisto. L’allestimento del concept, attraverso architettura, design, arte, descrive il luogo e partecipa alla costruzione di un forte legame tra uomo e ambiente, tra l’interno, il locale, e l’esterno, il quartiere, la città. Un rapporto in continuità che lascia all’idea la possibilità di uscire dal confine e invadere l’intorno.

 

Il tema è quello del verde, l’idea la realizzazione di un corridoio ecologico, il collegamento virtuale e reale della città con la campagna, la strategia la connessione a tutti i livelli con altre realtà, persone, luoghi, la rete.
Diversi i motivi per esplorare questo spazio. Si può entrare per l’acquisto di una pianta, di un fiore, di un accessorio di design, per scambiare due chiacchiere tra amici, per sedersi al tavolino col proprio PC, o semplicemente per bere un caffè durante una breve pausa nella corsa quotidiana. Come spiegano Giovanni e Jorge sul loro sito internet: “L’accesso al negozio avviene attraverso il giardino, per sottolineare la volontà di prendersi una pausa dai ritmi veloci a cui tutti siamo nostro malgrado abituati vivendo in città”. L’aria ricorda un viaggio europeo, situazioni piacevoli vissute in posti lontani.

 

La dimensione spaziale, la grafica e la scelta dei prodotti sono parte integrante dell’immagine del luogo, elementi di riconoscibilità, rappresentazione dell’idea stessa. Tutto concorre verso un unico progetto, il dettaglio sorprende e si fonde nell’immagine globale dello spazio. Il verde diventa arte e si disegna sui muri attraverso le immagini di TO/LET “duo di artiste che attraverso installazioni, interventi di public art, fotografia, video, illustrazione lavora su progetti fortemente relazionati allo spazio architettonico fisico e sensoriale”. Il giallo senape guida e conduce attraverso l’ambiente svelando stanze dalle funzioni diverse tra loro. Il giardino esterno, gli accessori, la serra, l’area rinvaso, il salotto, sono momenti di condivisione, che diventano occasione di scambio nell’ambito di iniziative quali workshop, eventi culturali, mostre d’arte o per il brunch della domenica mattina. Qui artisti, nuovi artigiani e designer, possono esporsi all’interno di una vetrina di proposte alternative, al di fuori dei tradizionali circuiti commerciali. Il quartiere e la città rispondono con curiosità e interesse agli impulsi culturali, artistici e commerciali diventando parte integrante del viaggio di scoperta del nuovo mondo proposto.

 

Tra gli alti palazzi, strade, passi carrai e luci elettriche, il giardino del Vivaio Urbano porta nuova linfa vitale al quartiere riattivando con una scintilla la reazione tra le parti. Parti che necessitano oggi più che mai di trovare nella creatività contemporanea il mezzo per la ripresa del dialogo. Tra le cose, tra le case, tra le parole, prendono vita le idee che rispondono a bisogni inattesi e aprono il campo a nuove realtà lavorative di alta qualità. L’impresa creativa offre alla città l’opportunità di un nuovo arricchimento. Scintilla urbana in grado di scatenare nuove immagini e situazioni stimolanti, un movimento capace di riattivare la relazione tra spazio chiuso/aperto, pubblico/privato, interno/esterno; tra le parole economia/sostenibilità, creatività/impresa…


di Laura Bonora


Per ulteriori informazioni
www.senapevivaiourbano.com

www.to-let.it

 

Nell’immagine di apertura, vista dell’ingresso a Senape Vivaio Urbano, Bologna. Foto di Laura Bonora

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico