Modus. La ghisa come non l’avete mai vista

È possibile, partendo dalla riproduzione filologica di un prodotto storico, arricchirlo di contenuti e caratteristiche attuali senza snaturarne l’essenza estetica, ma anzi esaltandola tramite l’utilizzo degli ultimi ritrovati tecnologici e attraverso l’accostamento di diversi materiali?
È la domanda che da sempre ci poniamo volendo comunque rimanere ben ancorati a un passato del quale vogliamo preservare una caratteristica che riteniamo, almeno nel nostro settore in gran parte perduta, sacrificata sull’altare della semplificazione, della globalizzazione e del profitto d’impresa: la cultura del “bello”. Quella cultura la cui massima espressione, legata all’ambiente urbano, avviene nel corso dell’Ottocento, che nella ghisa trova l’applicazione più flessibile e di cui il nostro paese conserva stupendi esempi nel cuore stesso delle nostre città o in magnifiche perle come il Museo Italiano della Ghisa di Longiano.
È allora possibile, partendo dai disegni originali delle antiche Fonderie Necchi, massima espressione industriale del settore scale di fine Ottocento, industrializzare una famiglia di scale a chiocciola modulari, renderne fruibile il decoro anche di notte illuminandole con sistemi a LED di ultima generazione, esaltarne l’estetica proponendole nella trasparenza delle balaustre in vetro temprato curvo, e proporle con i riflessi e le luminosità di tutte le tinte RAL per ambienti non più solo classici.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico