Marmomacc Meets Design 2012, in mostra la sostenibilità e la creativà dei designer internazionali

Giunto quest’anno alla sua sesta edizione consecutiva, Marmomacc Meets Design (MMD), continua a indagare potenzialità e versatilità dei materiali litici ponendo in fertile relazione l’esperienza delle aziende del settore e la creatività dei designer internazionali.
Sempre all’insegna di un’innovazione che cerca nuove letture di un materiale nobile e antico, duttile però per affrontare le variegate esigenze della contemporaneità, il progetto sceglie quest’anno di declinare uno dei temi di maggiore risalto della società attuale: la sostenibilità.

 

Materiale naturale, il marmo reca infatti con sé un patrimonio estetico, culturale e progettuale che lo pone in straordinaria sintonia con una riscoperta del dato ecologico, ambientale e paesaggistico le cui radici profondamente etiche ammantano ormai di nuove sensibilità anche il mondo della moda, del lifestyle, del progetto di architettura e di interni.
In questo contesto, proprio di una società che peraltro chiede con forza rinnovato e consapevole ottimismo, la riscoperta dei materiali naturali significa anche un ritorno del colore, esteso ormai a tutti i campi della vita quotidiana.

 

Lontano infatti dall’algida, monocroma palette tecnologica che fino a non molto tempo fa imponeva un predominio quasi esclusivo del bianco, del nero e dell’acciaio, l’imponente ritorno internazionale dei materiali naturali diventa anche riappropriazione collettiva di un mondo più caleidoscopico e colorato. Un colore che è vita, vigore, energia, libertà, sintonia con la natura, benessere, allegria, profondamente collegato all’essenza stessa di quei materiali litici, provenienti da ogni angolo del pianeta, che Marmomacc annualmente presenta e valorizza, offrendo al progettista inimitabili possibilità di accostamento, elaborazione e rilettura.

 

Architetti e aziende
– Lorenzo Damiani per Calvasina
– Zaha Hadid per Citco
– Massimiliano Caviasca per Fuchs
– Setsu & Shinobu Ito per Grassi Pietre
– Lucy Salamanca per Odorizzi Porfidi
– Luca Scacchetti per Pi.Mar.
– Grafton Architects per Pibamarmi
– Cino Zucchi per Regione Puglia
– Lorenzo Palmeri per Stone Italiana
– Tobia Scarpa per Testi Group

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico