LUCKY STRIKE T. DESIGNER AWARD. Al via la Quinta Edizione

È ufficialmente aperta la quinta edizione del Lucky Strike T. Designer Award, il prestigioso concorso di design pensato per stimolare e supportare la creatività delle nuove promesse del settore.

Al premio, ideato e promosso dalla Raymond Loewy Foundation Italy, possono partecipare tutti gli studenti che abbiano concluso il loro corso di laurea o di diploma in tutti i campi del design. Per l’edizione 2009, saranno prese in esame le tesi discusse tra l’1 ottobre 2008  e l’1 ottobre 2009. Questi lavori saranno esaminati da una giuria, composta da una commissione permanente di esperti, vincitori delle precedenti edizioni e affermati professionisti del settore, che assegnerà 30mila euro al miglior progetto.

Le domande dovranno essere presentate entro il 9 ottobre 2009.

I progetti saranno valutati in base a:
– qualità del design
– contenuti innovativi
– valore d’uso e funzionalità
– potenzialità future
– benefici sociali e compatibilità ambientale
– significato economico ed industriale
– capacità di emergere nel complesso panorama del design.

L’anno scorso, il Lucky Strike T. Designer Award ha coinvolto 37 città e oltre 185 atenei e scuole di design italiane. Il 23 marzo 2009, presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma, la giuria composta da Milena Mussi, General Manager di Iosa Ghini Associati, Franco Bosisio, Art director e product designer, Michael Erlhoff, Preside della facoltà di Ricerca del Design presso l’Università delle Scienze Applicate di Colonia, Mauro Guzzini, Amministratore Delegato di Teuco, Antonio Romano, Fondatore del network Inarea e Docente di Brand design alla Università La Sapienza di Roma, e i vincitori ex aequo dell’edizione 2007, Pierpaolo Filipponi e Michele  Deconcini, ha assegnato il primo premio a Valentina Frare, studentessa del Politecnico di Milano, e conferito 11 menzioni d’onore.

A livello internazionale, invece, il riconoscimento ispirato al padre del design industriale del XX secolo e riservato a professionisti già affermati ha visto protagonisti, nel corso degli anni, alcuni tra i maggiori esponenti mondiali del settore: l’italiano Bruno Sacco (1997), l’inglese Donna Karan (1999), i tedeschi Karl Lagerfeld (1993) e Ingo Maurer (2000),  il francese Phillippe Starck (2004) e lo spagnolo Ferran Adrià (2006).

Il concorso è aperto a diplomati e laureati delle scuole e facoltà di design

Scarica il bando del concorso

Per informazioni
Raymond Loewy Foundation Italy
Lucky Strike T. Designer Award 2009
C/O Acciari Consulting srl
Via della Farnesina, 224 – 00194 Roma
T 06.3295388
F 06.36300639
info@raymondloewyfoundation.it

La Raymond Loewy Foundation Italy nasce nel 2004 con l’obiettivo di promuovere il design in tutte le sue forme. Una delle principali attività della fondazione è il Lucky Strike T. Designer Award, premio annuale che offre l’opportunità ai laureati e diplomati delle facoltà e scuole di design, comunicazione, moda e multimedia di misurarsi con uno stimolo creativo orientato ed ispirato alla filosofia di progetto di Raymond Loewy, sintetizzata nell’acronimo MAYA “most advanced yet accetable”.

RAYMOND LOEWY (1893 – 1986) è stato un eccezionale designer e, senza dubbio, il più versatile ambasciatore del suo mondo, divenuto una leggenda del design quando era ancora in vita. È stato il più influente protagonista del design industriale che il Nord America abbia mai conosciuto  e ha avuto un notevole impatto sui gusti e gli stili di vita di molte generazioni. La sua filosofia ha ancora oggi una grandissima  influenza sul mondo del design industriale.

Nell’immagine, Sette X Quattro. Sistema di cellule container per l’ambito fieristico, Valentina Frare (Politecnico di Milano – Facoltà del Design – Dipartimento di Disegno Industriale, Relatore Professoressa Giovanna Piccino, Correlatore Professor Odoardo Fioravanti), progetto vincitore dell’edizione 2008 di Lucky Strike T. Designer Award

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico