Luca Zanaroli, Casa tra gli ulivi a Polignano a Mare

Mantenere un sottile equilibrio tra rispetto del contesto e volontà di contemporaneità: un esercizio delicato che l’architetto Luca Zanaroli, nella casa che ha progettato nella campagna di Polignano a Mare, è riuscito a portare a termine.

Il progetto ha integrato in un unicum armonico gli ulivi centenari, il trullo preesistente – diventato dépendance per gli ospiti – e il nuovo edificio a L destinato ad ospitare due famiglie. La nuova realtà architettonica è riuscita a soddisfare appieno le richieste di benessere, comfort e sicurezza rispettando l’anima del luogo, che viene sublimata da questa rivisitazione.

Leggi anche I bandi dei Premi Architetto italiano 2016, Giovane talento dell’Architettura italiana 2016 e RI.U.SO. 05

Alla base del progetto, l’idea di realizzare una corte “rurale” delimitata dal trullo da un lato, dall’estensione ex novo negli altri due lati e dalla piscina nel lato verso valle. La nuova costruzione è composta dai due lati della “L”, dove sono collocate le camere da letto che si affacciano sulla parte opposta della corte per garantire riservatezza alla zona più intima della casa, e da un parallelepipedo centrale dove si trovano la zona living e la cucina/pranzo.

Quest’ultima parte della casa è completamente aperta verso la corte, e una grande vetrata inquadra la corte e il trullo. L’ambiente circostante diventa parte integrale della realtà costruita.

Per evitare di decontestualizzare il trullo e favorire l’inserimento armonioso del nuovo edificio, il progettista ha dotato quest’ultimo di un basamento in pietre posate a secco che stabilisce una continuità stilistica, materica e cromatica con il trullo. Ha inoltre frammentato l’edificio inserendo, tra i due lati della “L”, un volume contrastante per forma e colore. Questo parallelepipedo, completamente rivestito con una parete in doghe di larice tinte di nero, ospita la zona comune, living e cucina, ed è aperto verso la corte tramite una grande vetrata scorrevole.

Spiega l’architetto Luca Zanaroli. “La scelta degli elementi di chiusura è stata determinante perché volevo ottenere la piena integrazione e fusione dello spazio interno con quello esterno. Gli infissi sono realizzati in acciaio corten, materiale naturale che richiama i colori della terra – che qui è di un colore rosso/marrone brunastro – per una maggiore integrazione con il contesto“.

Per realizzare l’ampio scorrevole, il progettista ha optato per il sistema a taglio termico EBE 85AS di Secco Sistemi, che garantisce eccellenti prestazioni di tenuta all’acqua, di isolamento termico, di permeabilità all’aria e, grazie ai profili sottili, lascia lo spazio massimo al vetro, alla luce e alla trasparenza. Per le altre aperture, dal catalogo Secco Sistemi l’architetto ha scelto i profili SA15 sempre in corten, un materiale di estrema robustezza in sintonia cromatica con l’ambiente. Precisa Luca Zanaroli: “Volevo che le aperture verso l’esterno fossero una sorta di schermo cinematografico o di quadro luminoso sul quale proiettare il mutare del paesaggio esterno.” Un intento poetico, raggiunto, che contribuisce alla serenità emanata dal luogo senza nessuna rinuncia ai requisiti di comfort.

 

Luca Zanaroli è nato a Bologna nel 1965. Dopo la laurea, conseguita alla Facoltà di Architettura dell’Università di Firenze, dal 1994 al 2003 ha lavorato nel campo della Pianificazione e gestione territoriale per alcuni Comuni dell’hinterland bolognese. Nel 2004 ha aperto il proprio studio, dove svolge attività di libero professionista nel campo della pianificazione territoriale e della progettazione architettonica, sia per committenti pubblici che privati, operando in vari settori. Attualmente lo Studio sta lavorando a diverse residenze private nel Sud Italia.

“Non esiste un progetto più importante di un altro, se non per la sua dimensione e complessità. Ogni singolo progetto è importante e viene seguito in ogni minimo dettaglio, dalla scelta del sito fino al minimo dettaglio costruttivo e di interior design”

 

SCHEDA PROGETTO
Casa JMG | La casa tra gli ulivi

Luogo
Polignano a Mare (BA)

Progetto
Luca Zanaroli Architetto, Bologna

Officina
Michele Palazzo, Pezze di Greco (BR)

 

Per utleriori informazioni
www.lucazanaroli.com
www.seccosistemi.it

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico